Vide un bimbo abortito che pendeva da un albero e da allora ha salvato migliaia di bambini in Kenya.

Print Friendly, PDF & Email

Vide un bimbo abortito che pendeva da un albero e da allora ha salvato migliaia di bambini in Kenya

Kibera è attualmente la più grande baraccopoli in Africa, cioè un enorme insediamento di baraccopoli situato alla periferia di Nairobi, in Kenya.  Lì vivono più di un milione di persone tra la spazzatura e le feci. La sua popolazione vive al di sotto della soglia di povertà e i bambini sono in gran parte destinati alla fame, alla droga e al crimine.

Tuttavia, in questi enormi sobborghi dove sembra non esserci speranza, gli angeli sembrano prendersi cura di coloro che vivono lì, specialmente di molte giovani donne sotto pressione per abortire. Questo è il caso di  Domitila Ayot , una vicina di questa baraccopoli che a 69 anni è diventata un’eroina dopo aver aiutato migliaia di ragazze a non abortire e ad acquistare un futuro per loro.

La sua fede gli ha dato la forza di salvare migliaia di vite

Senza fingere, è un pilastro della comunità. Semplicemente perché un giorno non poteva più sopportare di vedere l’ingiustizia. Sostenuta dalla sua fede in Dio – è soprannumerario dell’Opus Dei – ha  deciso di contribuire con un granello di sabbia che a poco a poco è diventata una duna.

Questa umile donna cattolica e madre di sei figli fu uno dei primi abitanti di questo grande sobborgo di Nairobi  che arrivò con suo marito nel 1979, quando non era affatto vicino a quello che è adesso. Ma essere uno di più tra le baracche è servito a sapere quali sono i veri problemi delle persone che vivono lì perché erano esattamente gli stessi di ogni giorno.

Kibera è la più grande baraccopoli in Africa dove vivono più di un milione di persone in condizioni di estrema povertà.

“È normale vedere i bambini abortiti galleggiare nell’acqua”

In un rapporto pubblicato da  Mercatornet , Domitila racconta come ha iniziato ad aiutare queste ragazze:  “È normale vedere bambini che galleggiano nell’acqua di scarico” . Ed è che la pressione sociale e la povertà spingono migliaia di giovani ad abortire in questo quartiere.

Il giorno in cui decise che doveva fare qualcosa

Domitila racconta le immagini scioccanti, ma a Kibera sono comuni. I bambini abortiti vengono messi in sacchetti di plastica trasparenti e gettati sul binario del treno, sotto il ponte o nelle fogne.  “Quello che mi ha sorpreso di più è stato vedere un bambino abortito in una borsa trasparente appesa ai piccoli rami di un albero”,  ricorda.

Questa immagine la turbò così tanto che decise di fare qualcosa al  riguardo. Per questo ha iniziato a svolgere un’attività pro-life aiutando i fratelli marianisti presenti nel quartiere e in seguito era già unita a questa parrocchia.

Questi sono alcuni dei bambini che ha salvato e accolto nel centro di San Martín.

Il suo successo cominciò ad essere enorme e cominciò a guadagnarsi la reputazione di soccorritore del vicinato. Il suo aiuto era per le giovani donne che venivano da lei o che venivano visitate da questa donna . Era una miscela tra la fermezza della verità e la tenerezza di una madre.

Volevo andarmene, ma sempre più giovani la chiamavano

Nella stragrande maggioranza dei casi, le ragazze o le loro famiglie hanno cambiato idea, permettendo a questi bambini di nascere. Anni dopo, pensò di lasciare questo lavoro ad altri, poiché l’età già pesava su di lei.

Tuttavia,  le chiamate continuavano a venire . I medici che hanno curato queste donne, le adolescenti incinte cacciate via  dai loro genitori, i vicini di queste ragazze e altre donne incinte senza sapere come avevano il loro numero di telefono. E le chiamate non provenivano più solo dallo slum di Kibera, ma dall’intera città di Nairobi.

Per questo motivo decise di tornare al fronte ma preparando una struttura in base alle esigenze che gli venivano presentate e  fu così che il Centro di San Martin  venne   ad aiutare le donne incinte. Questo centro rappresenta qualcosa di strano in un ambiente in cui vengono continuamente chiamati centri di “pianificazione familiare” e che non sono altro che aborti.

Ogni caso è unico e importante

Domitila ha una cosa molto chiara. Non ci sono generalizzazioni e ogni caso è diverso . Come lei stessa spiega, a volte è solo una questione di calmare l’indignazione dei genitori quando scoprono che la loro figlia è incinta e spiega che possono continuare a studiare. Altre volte devi fornire mezzi materiali come vestiti per bambini o cibo. Ma ci sono momenti in cui è necessario portare le ragazze fuori dal loro ambiente a causa della pressione che ricevono per farli abortire.

Ed è qui che il nuovo centro ha creato e accoglie giovani come Jackie o Anne. Quest’ultima è venuta a Nairobi da una zona rurale con l’obiettivo di guadagnare denaro. Lì ha vissuto con sua sorella maggiore, che era sposata con un alcolizzato. È rimasta incinta dal suo ragazzo, uno studente universitario, che le ha chiesto di abortire altrimenti l’avrebbe abbandonata- E  lungi dal trovare sostegno dalla sua famiglia, anche sua sorella ha visto l’arrivo di un bambino come un grosso problema, così ha fatto pressione su di lei per porre fine alla gravidanza.

Domitila è riuscita a salvare le vite di migliaia di bambini che sarebbero stati abortiti.

Eroina per alcuni e nemica per gli altri

Ma cercare un contatto per abortire e senza sapere come hanno finito per darle il contatto di Domitila, che le ha chiesto di incontrarsi prima di prendere la decisione di abortire. Ora, questa giovane donna soggiorna in questo centro pro-vita, che si trova proprio accanto alla multinazionale abortista Marie Stopes.

A Kibera,  Domitila è un’eroina per molti e migliaia di bambini hanno l’opportunità di vivere grazie ai loro sforzi, ma è anche vero che è odiato da un altro settore  perché la lobby dell’aborto è molto potente e sposta una grande quantità di denaro. La presenza di questa donna cattolica è molto scomoda per loro.

Vivi la “grazia di Dio”

Una domanda che molte persone chiedono quando conoscono la storia di Domitila, una povera vecchia e vicina di questa baraccopoli , è sapere come riesce a finanziare tutto questo. Ha chiaro: ” Per la grazia di Dio” . “A volte, un amico mi manda qualcosa. Altre volte devo usare i soldi che i miei figli mi mandano a vivere, perché come potete vedere, io sono una donna anziana “, ha detto.

Anche se questa donna ha aggiunto un altro fatto molto importante:  “Una cosa che so è che ogni volta che abbiamo bisogno di soldi, Dio è stato abbastanza bravo da inviarlo appena in tempo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *