San Nicola o Babbo Natale? Incontra il vero San Nicola e le sue differenze 

Print Friendly, PDF & Email

San Nicola o Babbo Natale? Incontra il vero San Nicola e le sue differenze. 

È tempo che i cristiani recuperino la vera storia di San Nicola e insegnino che il Natale è per celebrare il Dio bambino.

Al giorno d’oggi, l’immagine del vero San Nicola è stata chiamata “Babbo Natale” (San Nickleaus) ed è usata per vendere ogni genere di cose e quasi nessuno ricorda la sua vera storia.

È tempo per tutti i cristiani di difendere la nostra fede e recuperare la vera storia del nostro amato San Nicola e insegnare ai nostri figli che il Natale è la celebrazione della nascita di Dio fatto bambino.

Chi era San Nicola?

San Nicola , il cui nome significa “Protettore e Difensore dei Popoli”, fu un santo vescovo che si prese cura profondamente dei poveri e di tutte le persone bisognose, specialmente i bambini e divenne famoso per la sua carità, non poté resistere al suo profondo desiderio fare del bene aiutando chi ne ha bisogno.

San Nicola, fin dalla più tenera età, è stato caratterizzato dal fatto che tutto ciò che ha ottenuto è stato distribuito tra i poveri. La tradizione dice che ha sempre detto ai suoi genitori: “Sarebbe un peccato non distribuire molto, dal momento che Dio ci ha dato così tanto.”

San Nicola apparteneva a una famiglia molto ricca e quando i suoi genitori morirono, San Nicola distribuì tutta l’eredità tra i poveri e andò in un monastero dove divenne monaco.

La specialità di questo santo erano i miracoli così numerosi che riuscì ad ottenere da Dio. Lo dipinsero con alcuni bambini, perché gli antichi raccontavano che un criminale feriva diversi bambini con coltelli, e il santo quando pregava per loro ottenne la sua guarigione istantanea.

Dipingono anche, accanto a San Nicola , una giovane donna, perché nella sua città c’era un povero vecchio con tre figlie e non poteva sposarsi perché erano così povere.

Poi il santo per tre giorni di fila, ogni notte gettava un sacchetto di monete d’oro dalla finestra, e così il vecchio riuscì a sposare le sue figlie.

San Nicola: attuale immagine distorta della realtà

L’immagine che conosciamo oggi del classico “Babbo Natale” è stata modificata dal nuovo immigrato tedesco a New York, il protestante Thomas Nast che lo ha illustrato per il settimanale “Harper” nel 1864 mostrandogli il completo rosso, gli stivali neri, un Grande sacco di giocattoli e entrare in un camino.

Essendo stato vescovo della Chiesa, San Nicola fu rappresentato con un abito rosso, e questo fece piacere a molti agenti pubblicitari in Occidente, e le grandi corporazioni cominciarono a usarli nelle loro campagne pubblicitarie pre-natalizie, e quindi, accattivanti messaggi, intrappolare i consumatori nei loro prodotti, distorcendo molto di più l’immagine di questo Santo Vescovo.

Al momento, la mitra del vescovo era completamente scomparsa e invece gli hanno messo un berretto rosso, l’hanno inventato con un posto segreto dove vive al Polo Nord e ha dei magici nani che lavorano per lui ogni giorno dell’anno. E tutto questo perché: per il grande marketing pubblicitario che genera e per l’incitamento al consumismo eccessivo.

Chiediamo al Signore, che per l’intercessione di San Nicola di Bari, molto caritatevole , abbiamo sempre un cuore nobile e semplice per non lasciarsi manipolare dal desiderio di denaro e fama, ma di rimanere semplici e con una ferma fede per la gloria di Dio. Amen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *