Preghiera di protezione da recitare spesso al nostro Angelo Custode

Caro santo angelo custode, con te anch’io rendo grazie a Dio, che nella sua bontà mi ha affidato alla tua protezione. O Signore, Ti rendo grazie per il dono dell’Angelo custode, dono che hai fatto a me personalmente. Ti rendo grazie per la potenza che hai dato al mio Angelo perché mi trasmetta il tuo amore, la tua protezione. Dio sia lodato per aver scelto il mio Angelo custode come suo collaboratore per trasmettermi la sua protezione. Ti ringrazio, o mio Angelo custode, per la pazienza che hai verso di me e per la tua presenza costante al mio fianco. Grazie, Angelo custode, perché sei fedele nell’amore e non ti stanchi mai di servirmi.

Tu che non distogli lo sguardo del Padre che mi ha creato, dal Figlio che mi ha salvato e dallo Spirito Santo che soffia amore, offri ogni giorno le mie preghiere alla Trinità. Io ti faccio fiducia e credo che le mie preghiere saranno esaudite. Adesso, Angelo custode, ti invito a precedermi sul mio cammino

(presentare all’Angelo gli impegni dalla giornata, i viaggi da fare, gli incontri ... )


(4,5 su 5 stelle)
15 valutazioni globali
 

Proteggimi dal male e dal maligno; ispirami le parole di consolazione che devo dire: fammi discernere la volontà di Dio e quello che Dio vuol fare attraverso di me. Aiutami a conservare sempre il cuore di un bambino davanti a Dio (Salmo 130). Aiutami a lottare contro le tentazioni e a vincere le tentazioni contro la fede, l’amore, la castità, Insegnami ad abbandonarmi a Dio e a credere all’amore. Santo Angelo custode, lava la mia memoria e la mia fantasia ferite e imbrattate da tutto quello che vedo e che sento.

Liberami dai desideri disordinati; dalle scivolate nella mia sensibilità esagerata, dallo scoraggiamento; dal male che il Demonio mi presenta come bene e dall’errore presentato come verità. Dammi la pace e la serenità, perché nessun avvenimento mi turbi, nessun male fisico o morale mi faccia dubitare da Dio. Guidami con occhi e benevolenza. Lotta con me. Aiutami a servire il Signore con umiltà.