Preghiera a Sant’Agostino per chiedere una grazia

Preghiera a Sant’Agostino di Papa Giovanni Paolo II

O grande Agostino, nostro padre e maestro,
conoscitore dei luminosi sentieri di Dio
ed anche delle tortuose vie degli uomini,
noi ammiriamo le meraviglie che la Grazia divina ha operato in te,
rendendoti appassionato testimone della verità e del bene,
a servizio dei fratelli.

 

All’inizio di un nuovo millennio segnato dalla croce di Cristo,
insegnaci a leggere la storia nella luce della Provvidenza divina,
che guida gli eventi verso l’incontro definitivo col Padre.
Orientaci verso mete di pace,
alimentando nel nostro cuore il tuo stesso anelito per quei valori sui quali è possibile costruire,
con la forza che proviene da Dio, la “città” a misura dell’uomo.

La profonda dottrina, che con studio amoroso e paziente
hai attinto alle sorgenti sempre vive della Scrittura,
illumini quanti sono oggi tentati da alienanti miraggi.
Ottieni loro il coraggio di intraprendere il cammino
verso quell’ “uomo interiore” nel quale è in attesa Colui che, solo,
può dare pace al nostro cuore inquieto.

Tanti nostri contemporanei sembrano aver smarrito la speranza di poter giungere,
tra le molte contrastanti ideologie,
alla verità, di cui tuttavia il loro intimo conserva la struggente nostalgia.
Insegna loro a non desistere mai dalla ricerca,
nella certezza che, alla fine,
la loro fatica sarà premiata dall’incontro appagante
con quella Verità suprema che è sorgente di ogni verità creata.

Infine, o Sant’Agostino,
trasmetti anche a noi una scintilla di quell’ardente amore per la Chiesa,
la Cattolica madre dei santi,
che ha sostenuto ed animato le fatiche del tuo lungo ministero.
Fa’ che, camminando insieme sotto la guida dei legittimi Pastori,
giungiamo alla gloria della Patria celeste, ove, con tutti i Beati,
potremo unirci al cantico nuovo dell’alleluia senza fine. Amen.

Preghiera scritta da Sant’Agostino

Tu sei grande, Signore, e ben degno di lode;
grande è la tua virtù, e la tua sapienza incalcolabile.
E l’uomo vuole lodarti, una particella del tuo creato,
che si porta attorno il suo destino mortale,
che si porta attorno la prova del suo peccato e la prova che tu resisti ai superbi.
Eppure l’uomo, una particella del tuo creato, vuole lodarti.
Sei tu che lo stimoli a dilettarsi delle tue lodi,
perché ci hai fatti per te, e il nostro cuore non ha posa finché non riposa in te.
Concedimi, Signore, di conoscere e capire se si deve prima invocarti o lodarti,
prima conoscere oppure invocare.
Ma come potrebbe invocarti chi non ti conosce?
Per ignoranza potrebbe invocare questo per quello.
Dunque ti si deve piuttosto invocare per conoscere?
Ma come invocheranno colui, in cui non credettero?
E come chiedere, se prima nessuno dà l’annunzio?
Loderanno il Signore coloro che lo cercano,
perché cercandolo lo trovano, e trovandolo lo loderanno.
Che io ti cerchi, Signore, invocandoti, e ti invochi credendoti,
perché il tuo annunzio ci è giunto.
Ti invoca, Signore, la mia fede,
che mi hai dato e ispirato mediante il tuo Figlio fatto uomo,
mediante l’opera del tuo Annunziatore.