‘Madre, ma perché strilli’?  E Padre Pio resuscitò il suo bambino morto.

Print Friendly, PDF & Email

‘Madre, ma perché strilli’?  E Padre Pio resuscitò il suo bambino morto. Il bambino era appena nato, quando Maria, la mamma, dopo una visita medica, seppe che suo figlio aveva una malattia molto grave e difficile. Quando non ci furono più speranze di salvarlo, prese un treno e andò a San Giovanni Rotondo da Padre Pio.

Aveva tanto sentito parlare di questo frate, delle sue stigmate come le ferite di Gesù, delle sue guarigioni, dei miracoli, e della fiducia e la speranza che dava agli infelici, e malgrado la lontananza dal suo paese, lui era la sua ultima speranza.  Durante il viaggio però il bambino muore. Disperata lo avvolge con i suoi indumenti, lo veglia sconvolta per tutta la notte, poi lo mette nella valigia e la chiude. Il giorno dopo arriva a San Giovanni Rotondo, devastata dal dolore, ha perso il suo bambino, la cosa più bella della sua vita ma non ha perso la fede in Dio.

Arriva la sera e lei si mette in fila con gli altri per confessarsi con Padre Pio, e tra le mani tiene la valigia nella quale c’è il corpo del suo bambino morto la sera prima.

Lui è nel confessionale e prega, Maria si inginocchia in un pianto disperato e lo implora di aiutarla, lui la guarda profondamente in silenzio, lei apre la valigia e gli mostra il quel corpino senza vita.

Padre Pio a quella vista è straziato da quel dolore e da quella madre senza più respiro e inconsolabile. Prende quel corpicino senza vita, gli poggia una mano sulla testolina e recita una preghiera alzando gli occhi al cielo.

Un attimo dopo, il bambino è vivo, si rianima, muove prima le gambe e poi le braccine come se si fosse svegliato da un lungo sonno. Padre Pio si volta verso la mamma e dice: «Madre, perché strilli, non vedi che tuo figlio dorme?». Le grida della donna e di tutti i presenti nella piccola chiesa esplodono in una gioia incredibile. Di bocca in bocca si urla al miracolo. E’ il maggio 1925 quando la notizia di questo umile frate che guarisce gli storpi e resuscita i morti, scorre veloce sui fili del telegrafo di tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *