Per chiedere la grazia della cura del cancro: la preghiera al santo che portava questa stessa croce.

Print Friendly, PDF & Email

Per chiedere la grazia della cura del cancro: la preghiera al santo che portava questa stessa croce

Di fronte a una delle sofferenze più dolorose e misteriose che Dio consente per qualche motivo, questa supplica può essere un balsamo per l’anima

Il cancro è una delle croci più pesanti che esistono e uno dei più grandi misteri che Dio permette nel nostro mondo decaduto. 

Sebbene ci siano progressi incoraggianti nella comprensione di questa malattia e nelle possibilità di evitarlo, mitigarlo e curarlo, il cancro continua a essere un colpo doloroso, non solo fisicamente ma anche spiritualmente: è comune per il paziente e i suoi parenti rivolta e affrontare una brutale prova di fede , chiedendosi dal profondo dell’anima: Perché, mio Dio? Per cosa, o Dio? È un mistero che ferisce nel corpo e nello spirito.

Durante la sua breve vita sulla terra, Gesù stesso ha guarito molti che lo hanno avvicinato con fede sincera. Tuttavia, non ha evitato la sofferenza di tutti i suoi amici. Infatti, egli stesso ha affrontato sofferenze inimmaginabili accettando il tipo di morte che ha accettato. Di nuovo, il mistero insondabile del dolore. Perché? Per cosa?

Noi, cattolici, crediamo che Dio abbia uno scopo anche in mezzo a ciò che a noi sembra assurdo e persino incompatibile con la Sua infinita bontà .

Ci sono innumerevoli casi di santi che hanno sofferto atroci sofferenze, e sono venuti avanti rafforzati e pieni di una pace che il comfort sensibile non è in grado di fornire. Ci sono innumerevoli casi di persone semplici e di fede semplice che, anche affrontando malattie e morte, mantengono l’ anima serena e lucida nella vivida speranza dell’eternità . A volte è consentita la guarigione del corpo. Altre volte, no. Ed è facile essere sospettosi della bontà di Dio quando sembra che si sia allontanato da noi in mezzo a tanta sofferenza.

Eppure, pur consentendo il processo, Dio ci dà i mezzi per affrontarlo. La medicina è una di queste: possiamo e dovremmo usare le risorse mediche che sono alla nostra portata. La scienza è al servizio del nostro progresso umano. Ma possiamo anche ricorrere al tesoro dei mezzi spirituali , tra cui la comunione con i santi, la cui testimonianza di vita e la cui intercessione faccia a faccia davanti a Dio può aiutarci a rafforzare la nostra fede. 

Naturalmente possiamo chiedere qualsiasi grazia direttamente da Dio. Ma Lui ci vuole uniti come una famiglia: è per questo che possiamo “unire” le nostre forze spirituali alla forza della fede dei nostri fratelli e sorelle che vivono con noi in questa vita e che ci hanno già preceduto nell’eternità.

C’è un santo riconosciuto dalla potente intercessione a favore di coloro che soffrono di cancro: San Pellegrino .

Italiano del XIV secolo, egli stesso ha subito un’infezione cancerosa alla gamba e, dopo la sua morte, ha iniziato a essere venerato come protettore dei malati di cancro . Molti miracoli furono attribuiti alla sua intercessione.

Questa è una semplice preghiera a San Pellegrino, chiedendo, attraverso la sua intercessione con Dio, la guarigione del cancro :

Preghiera a San Pellegrino

O grande San Pellegrino, 
sei stato chiamato potente e un lavoratore di meraviglie a 
causa dei numerosi miracoli 
che hai ottenuto da Dio 
per conto di coloro che ti hanno fatto ricorso.

Hai portato nella tua stessa carne 
la malattia del cancro, 
che distrugge la vera fibra del nostro essere 
e ricorre alla fonte di ogni grazia 
quando il potere dell’uomo non può fare nient’altro.

Sei stato favorito dalla visione di Gesù che 
scendeva dalla Croce per guarire la tua afflizione.

Chiedi a Dio e 
alla Madonna di guarire i malati che ti affidiamo.

(In questo momento, ricorda silenziosamente i nomi di coloro per i quali stai pregando)

Aiutato così dalla tua potente intercessione, 
cantiamo a Dio, 
ora e per tutta l’eternità, 
un canto di gratitudine 
per la sua immensa bontà e misericordia.

Amen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *