ll calzolaio che Cristo visitò tre volte .

Print Friendly, PDF & Email

ll calzolaio che Cristo visitò tre volte .

Cristo visita sempre i suoi fratelli, apriamo la nostra mente e il cuore per riceverlo quando meno ce lo aspettiamo. 

La Quaresima è un tempo di attesa e preparazione . 

Con l’arrivo di questo bel tempo di preparazione del cuore, noi inviamo voi, una storia di Leo Tolstoj .

La visita di Cristo a un calzolaio

Martin era un umile calzolaio in una piccola città di montagna. Ha vissuto da solo. Era stato vedovo  per anni e i suoi figli erano andati in città in cerca di lavoro.

Martin, ogni notte, prima di andare a dormire, ha letto un pezzo dei Vangeli davanti al fuoco del focolare. Quella notte si svegliò sorpreso. 

Aveva chiaramente sentito una voce che gli diceva. ‘Martin, domani Dio verrà a trovarti’. Si alzò, ma non c’era nessuno in casa, né era, naturalmente, in quel momento della fredda notte …

Si alzò molto presto e spazzò e migliorò il suo negozio di scarpe. Dio deve trovare tutto perfetto. E andò a lavorare davanti alla finestra, per vedere chi passava per strada.

Dopo un po ‘vide un viandante vestito in modo irregolare e scalzo. 

Peccato, si è alzato immediatamente, l’ha fatto entrare nella sua casa per scaldarsi per un po ‘vicino al fuoco. Le diede una tazza di latte caldo e preparò un pacchetto di pane, formaggio e frutta per la strada e le diede delle scarpe.

Aveva lavorato per un po ‘quando vide una giovane vedova con il suo piccolo, morto di freddo. Li ha anche fatti passare.

Dato che era già mezzogiorno, li fece accomodare al tavolo e tirò fuori la pentola dell’ottima zuppa che aveva preparato nel caso in cui Dio volesse restare a mangiare. 

Andò anche a prendere un cappotto da sua moglie e un altro da uno dei suoi figli e li diede loro perché non diventassero più freddi.

Il pomeriggio passò e Martin divenne triste, perché Dio non apparve. Il campanello della porta suonò e si girò con gioia credendo che fosse Dio. La porta si aprì con una certa violenza e l’ubriacone della città incespicò.

– Mancava solo questo! Guarda, se Dio viene ora … (si disse il calzolaio)

– Ho sete (esclamò l’ubriaco)

E Martin, posandolo sul tavolo, tirò fuori una brocca d’acqua e mise un piatto con i resti della zuppa di mezzogiorno davanti a lui.

Quando l’ubriaco se ne andò, era molto buio. E Martin era molto triste. Dio non era venuto. Si è seduto davanti al fuoco del focolare. Prese i vangeli e quel giorno li aprì a caso. 

E ha letto: “Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero nudo e mi avete vestito … Ogni volta che avete fatto a uno dei miei piccoli, l’avete fatto a me

Il povero volto del calzolaio si illuminò. Certo che Dio lo ha visitato! Non una volta, ma tre volte! E Martin, quella notte, si addormentò pensando di essere l’uomo più felice del mondo …

Allo stesso modo, la Quaresima è l’attesa di Gloria e Salvezza, è la manifestazione stessa dell’amore nel sacrificio e nella resa.

Ricorda: Gesù ci visita in molti modi e in modi diversi, impariamo a riconoscerlo sempre.

Un abbraccio in Cristo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *