I 3 nemici dell’anima e come superarli nella battaglia spirituale.

Print Friendly, PDF & Email

I 3 nemici dell’anima e come superarli nella battaglia spirituale 

  Dobbiamo affrontare i tre principali nemici dell’anima: il diavolo, la carne e il mondo, e con l’aiuto di Dio trionferemo 

Soldati e atleti di successo sanno che la conoscenza del loro nemico o avversario è la chiave per la vittoria in battaglia e il successo in campo. Lo stesso principio può essere applicato all’esercito in una guerra. Dove c’è un’apertura e una debolezza, lì c’è alla vittoria. Dovremmo applicarlo nella nostra vita spirituale.

La teologia spirituale classica definisce tre nemici fondamentali dell’anima nella nostra vita spirituale: il mondo, il diavolo e la carne!

Combatti duramente in battaglia

Essere un cristiano significa essere un soldato e essere pronto per la battaglia. In realtà, il cristiano è in costante stato di guerra.

Il sacramento della confermazione ci impegna a combattere il buon combattimento, a condurre la buona razza, a diffondere e difendere la fede, a volte anche a costo delle nostre vite, come nel caso dei martiri.

I 3 nemici dell’anima e come superarli nella battaglia spirituale

Dobbiamo affrontare questi tre principali nemici: il diavolo, la carne e il mondo, e con l’aiuto di Dio e la sua grazia santificante otterremo la vittoria

1.- Il diavolo.

Satana, Lucifero, il principe di questo mondo, il bugiardo, l’assassino fin dall’inizio, tutti questi titoli sono stati dati al diavolo nella Bibbia. 

Sant’Ignazio chiama il diavolo il nemico della natura umana ; 

San Tommaso d’Aquino lo chiama il tentatore; 

Sant’Agostino lo definisce un coraggioso cane incatenato e pronto ad attaccare; 

San Patrizio lo vede come un leone ruggente in cerca di qualcuno da divorare. Tutti questi nomi e titoli indicano il male della persona del diavolo. 

La tua strategia! Per sconfiggere il demone, dobbiamo essere correttamente consapevoli della sua strategia, ecco alcuni suggerimenti:

1.- Primo: il diavolo non riposa mai o va in vacanza. Lavora 24 ore su 7 giorni.! Il suo lavoro finisce quando siamo sconfitti dalla morte.

2 .- Secondo: quando siamo in uno stato di desolazione (secondo San Ignacio de Loyola), allora è quando il diavolo lancia le sue frecce infuocate e spara per uccidere. La desolazione  significa, quando non ci sentiamo con poca fede, con poca speranza o carità, pigri timidi, depressi e scoraggiati, pronti a gettare la spugna e semplicemente rinunciare! Quella è la prima vittoria del demone!

3.- Terzo: il demone conosce la tua kryptonite. Superman era intrepido, onnipotente e sempre vittorioso, tranne quando era esposto a kryptonite, quella era la sua fine e la sua sconfitta. 

Abbiamo tutti la nostra debolezza.

Il diavolo sa cos’è il nostro kryptonite, perché ha studiato ogni passo che facciamo ed è un eccellente psicologo. 

E a parte, può anticipare e prevedere le nostre future cadute e impostare le trappole nel tempo.

Prega lo Spirito Santo di rivelarti qual è il tuo Kryptonite; Chiedi al tuo confessore o alla tua guida spirituale.

2.- La carne Il demone ci attacca dall’esterno; la carne è rivelata dall’interno. Come risultato del peccato originale, tutti noi abbiamo una natura umana, che san Tommaso d’Aquino chiama concupiscenza.

San Paolo ci ricorda spesso la sua battaglia interiore che è combattuta dentro di noi tra la carne e lo spirito.

Il grande apostolo in persona esprime la battaglia che ha intrapreso, affermando che quello che voleva fare è stato il contrario. Nell’orto del Getsemani Gesù avvertì gli apostoli:

“Sii sveglio e prega che non sarai messo alla prova, perché lo spirito è occupato ma la carne è debole”.

La carne può essere riassunta nei sette peccati capitali, in queste tendenze disordinate, propensioni o inclinazioni che ci portano a peccare. Sono: gola, avidità, pigrizia, lussuria, rabbia, invidia e orgoglio.

Se non riusciamo a superare queste tendenze attraverso la grazia di Dio, saremo realmente schiavi, poiché Gesù ha detto che il peccato è schiavitù; Anche così, se riusciamo a superarli, sperimenteremo la pace e la libertà dei figli di Dio.

3.- Il mondo Dei tre nemici il mondo è il più insidioso, laborioso ed estremamente pericoloso. Il mondo in cui viviamo, in cui ci troviamo circondati, è incline a ingannarci, a farci credere che la felicità vera ed eterna può essere trovata e realizzata qui sulla terra. In altre parole, la terra è la nostra utopia.

Gesù ci promette il contrario. In questa vita avrai lotte e battaglie, e Gesù ci ha ancora detto che saremo odiati e perseguitati e probabilmente moriremo anche nelle mani delle nostre stesse famiglie. Anche Gesù fu tentato dal diavolo che gli offrì il mondo. (Matteo 4)

La Madonna di Lourdes disse alla sua veggente Santa Bernardette che la vera felicità non poteva essere trovata in questo mondo.

Il paradiso è la nostra casa vera e permanente; nel frattempo siamo pellegrini che girano per il mondo, diretti verso la nostra destinazione finale.

Il mondo tutto ciò che ci offre è estremamente ingannevole e bugiardo, si aggrappa a noi, può quasi penetrarci come per osmosi. Come quando camminiamo su una strada polverosa, la polvere scende su di noi senza rendersene conto. Questo è il mondo.

Queste sono alcune delle cose che il mondo ci dice tipicamente e che sono diametralmente opposte ai valori del Vangelo:

 “Vivi solo una volta”

“Divertiti nel mondo”

“A chi importa cosa faccio?”

“Vivi e lascia vivere”

“Dagli un po ‘della sua stessa medicina”

“Fallo e basta”

“Perché ne vale la pena”

“Divertiti e bevi senza limiti”.

Esame quotidiano di San Ignacio E ‘per questo motivo che l’esame di coscienza quotidiano di San Ignacio de Loyola è monumentale, se vogliamo davvero a smascherare la mondanità di oggi e di decidere di scegliere di perseguire i valori del Vangelo e camminare sulle orme del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo.

Attraverso l’esame delle nostre azioni, motivazioni e intenzioni alla luce del Vangelo, possiamo rimanere sulla retta via 

Siamo coraggioso! Miei amici in Cristo. Se Dio è con noi, chi può essere contro di noi? Il Signore è il mio pastore; non mancherà nulla,

Gesù ci dà queste parole in cui ci promette la vittoria: “Abbi coraggio, ho vinto il mondo, sarò sempre con te fino alla fine dei tempi.Dobbiamo combattere mano nella mano con Gesù, Maria e San Giuseppe nella vittoria sul diavolo, la carne e il mondo, che saranno nostri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *