Florida, la misteriosa croce emersa dalle acque.

Print Friendly, PDF & Email

Florida, la misteriosa croce emersa dalle acque.

A Fort Lauderdale, Florida (USA), un uomo ha fatto una scoperta sbalorditiva: una croce in legno di circa sei metri di lunghezza, spiaggiata sulla battigia.

A volte scorrendo le notizie sul web si incontrano quelle che sembrano notizie strane, diverse, incredibili che fanno sorridere e pensare.

Questa notizia lascia un grande interrogativo, una casualità o un segno di Dio? Una croce così grande che arriva su una spiaggia intatta e resta lì in un luogo di vacanza e divertimento, non sarà un qualcosa che ha un significato un pò più profondo ? Siamo sicuri che sia solo un episodio originale?

Se è cosa comune che l’oceano riconsegni alla terra pezzi di legno e corde in mezzo alle alghe, è un po’ meno comune veder sorgere dai flutti… una croce gigante. Però proprio questo è capitato a Fort Lauderdale, nel sud della Florida, all’inizio del mese di febbraio. Una croce in legno, lunga circa sei metri, in parte ricoperta da alghe e crostacei, è stata rinvenuta da un uomo che si trovava sulla spiaggia in corrispondenza dello stabilimento balneare Ocean Manor Beach Resort. Dopo la sua scoperta, ha tentato con successo – grazie all’aiuto di altre persone – di spostare la croce.

CROSS

Benedetta da un prete cattolico

Le ipotesi sono numerose, quanto all’origine di questa croce che sembra aver trascorso in acqua un certo tempo. Secondo alcuni proverrebbe da una chiesa di Porto Rico. L’isola caraibica è stata effettivamente colpita dall’uragano Mary nel settembre 2017. Se qualcuno vi riconosce un occhiolino del Cielo, altri vi hanno visto un semplice fatto divertente.

Di sicuro questa storia ha alimentato parecchie conversazioni, e il suo carattere insolito ha portato un prete a benedire la croce in presenza di una piccola assemblea. Se la città di Fort Lauderdale è conosciuta per le sue spiagge e per i suoi canali da diporto, adesso sarà nota anche per la croce salvata dalle acque.

fonte: Aleteia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *