L’esorcista afferma: dobbiamo aiutare di più coloro che si sentono maledetti o posseduti.

Print Friendly, PDF & Email

L’esorcista afferma: dobbiamo aiutare di più coloro che si sentono maledetti o posseduti.

Padre esorcista: il nostro compito di esorcisti non è solo di esibire esorcismi a coloro che sono posseduti, ma di aiutare tutti gli oppressi 

La Chiesa cattolica, attraverso i suoi sacerdoti, diaconi e laici esperti, deve fare di più per ascoltare, console e aiutare coloro che sono turbato, tentato, maledetto o posseduto, così ha detto il padre Benigno Palilla, un esorcista membro italiano del i frati francescani del Rinnovamento ed esorcistadell’Arcidiocesi di Palermo

In un’intervista con il quotidiano del Vaticano, L’Osservatore Romano, 22 marzo l’esorcista Padre Benigno ha detto che “Anche se chi chiede aiuto non mostra segni di influenza demoniaca o il possesso”

Ci sono molti modi per aiutare coloro che cercano aiuto, offrendo loro pace e conforto e impedendo loro di vedere gli stregoni e altri praticanti dell’occulto.

Il frate di 78 anni è il direttore del Centro Giovanni Paolo II a Palermo, un centro dedicato a fornire formazione continua agli esorcisti in tutta la regione siciliana, oltre ad aiutare gli esorcisti in Italia e all’estero.

Padre esorcista Benigno ha detto al giornale vaticano che il numero di persone che si rivolgono all’ occulto, per chiedere aiuto, aumenta costantemente perché credono che sono posseduti dal diavolo o per risolvere i problemi legati alla famiglia, al lavoro o l’amore.

Circa 13 milioni di persone hanno dichiarato di essersi rivolti a maghi, medium, lettori di carte dei tarocchi e altre forme di occultismo l’anno scorso, un numero estremamente alto. 

La popolazione adulta totale in Italia è di circa 54 milioni.

Incoraggiare i programmi di esorcismo

Se noi pastori non facciamo qualcosa di concreto per fermarlo, il numero di persone che si rivolgono alla magia e all’occulto continueranno ad aumentare, specialmente attraverso l’evangelizzazione e mettendo in guardia i fedeli dai pericoli associati alla errata comprensione del cristianesimo.

I sacerdoti hanno bisogno di una preparazione adeguata, a partire dal seminario dove gli studi dovrebbero includere demonologia e angelologia , e continuare con i programmi pastorali dedicati all’esorcismo che collaborano con i programmi dedicati all’assistenza sanitaria.

Un compito per gli esorcisti

Le persone che pensano di essere vittime di attività demoniaca o stanno vivendo l’ansia o la malattia mentale dovrebbe sentirsi rassicurate dal fatto che hanno davanti a loro un sacerdote che è preparato e sa cosa per fare per aiutare loro .

Invece, troppo spesso, queste persone finiscono per non trovare conforto e sostegno di cui hanno bisogno nella Chiesa, in modo poi girare ai ciarlatani, religiosi occulti o falsi guaritori.

Il nostro compito come esorcisti non solo effettuare esorcismi su coloro che sono posseduti, ma anche abbracciare coloro che pensano di essere vittime di attività demoniaca , ma in realtà non lo sono.

La chiesa ha regole molto rigide che governano gli esorcismi, che non vengono mai eseguiti senza prima stabilire che la persona non soffra di un problema fisico, emotivo o psicologico.

Anche quando sembra che una persona non è posseduto, non dovrebbe essere negato ad altre forme di aiuto spirituale, tra la preghiera, recitando il Rosario, alla Messa o partecipare a un ritiro.

Diaconi, esperti laici e gruppi di preghiera svolgono un ruolo fondamentale nell’offerta di aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *