4 belle tradizioni per celebrare l’Epifania con la tua famiglia

Print Friendly, PDF & Email

4 belle tradizioni per celebrare l’Epifania con la tua famiglia

C’è ancora tanto Natale da festeggiare. Qui hai 4 modi bellissimi per ricevere i Magi

Ogni 6 gennaio celebriamo il Giorno dei Tre Re, la festa dell’Epifania. Epifania è un giorno sacro che celebra la rivelazione di Gesù ai tre saggi, saggi così sono venuti a Betlemme seguendo una insolita stella nel cielo.

Anche se non è celebrato allo stesso modo in tutte le culture, l’Epifania è una giornata con una lunga storia e molte belle tradizioni. Qui ce ne sono quattro molto amate.

1. I Magi vengono lentamente al nostro presepe.

È una tradizione semplice .Un amico di nome Randy qui negli Stati Uniti mi ha raccontato la storia di come ha scoperto “l’arrivo” dei Magi al presepe di Betlemme in Epifania. Pochi giorni dopo Natale, notò che sua moglie li aveva allineati su un tavolo vicino e non sulla scena del presepe. Una mattina erano scomparsi e ha chiesto alla moglie dove erano andati. Gli disse che i Magi devono avanzare poco alla volta tutti i giorni fino alla scena intorno alla mangiatoia, finché alla fine arrivano il 6.

I bambini amano particolarmente muovere i Magi. Ogni giorno fanno un piccolo passo. A volte fanno a turno per spostarli.

In alcune culture, come gli spagnoli, il Day of Kings è una grande festa. È il giorno scelto dalla maggior parte della popolazione per fare regali di Natale. La sera del 5 gennaio, i Re Magi arrivano nelle città della Spagna, mostrando la loro forza per una cavalcata che riempie di illusione bambini e adulti. Nella parata, cammelli, persone di culture diverse (i re venivano dall’Oriente) e, per coloro che non si sono comportati bene, il carbone.

Se non condividi questa cultura, i Magi possono portare ai bambini un dettaglio, un regalo che fa ricordare loro la festa che si celebra. Si possono anche realizzare lavoretti di famiglia come fare figure di origami o corone personalizzate.

2. La torta dell’Epifania.

La torta dell’Epifania o il Roscón de Reyes, secondo la cultura, è senza dubbio il migliore dell’Epifania perché, beh, i dolci sono deliziosi. 

Non sono sicuro che i Magi immaginassero che le persone avrebbero celebrato l’anniversario del loro estenuante viaggio attraverso un deserto rovente tirando fuori i dolci e indulgendo, ma è così che è sorta la tradizione e sono felice del risultato.

Ma la torta Thread of Kings o Epifania non è solo una caramella. 

Sorprese nascoste dentro 

Le sorprese possono essere una bambola, una moneta, una statuetta di porcellana o qualsiasi oggetto che possa essere nascosto nella torta. I bambini amano il brivido di scoprire ciò che nasconde il loro pezzo di torta, se riescono a strappare un pezzo dal controllo di papà.

Ci sono anche quelli che si divertono a riempire la torta con sorprese simboliche per condividere la gioia di tutti. Ma attenzione, perché non è un godimento senza rischi, perché se un adulto trova la figurina o il fagiolo, dovrà pagare per la sua fetta.

3. La festa della dodicesima notte

In alcuni posti, come nel Regno Unito, la festa continua in Epifania. Mentre in altri paesi e fermare i festeggiamenti dopo l’ultima notte dell’anno e dedicarsi ad attendere per la fine dell’inverno, gli altri approfittano della dell’Epifania come la scusa perfetta per stappare lo champagne, riscaldare un vin brulé (come wassail ) e festeggia con gli amici. Nel  Regno Unito, la festa tradizionale è la vigilia dell’Epifania e si chiama La dodicesima notte o La dodicesima notte, l’ ultimo giorno di vacanza celebrazione.

C’è una forma di intrattenimento molto sottovalutata nella nostra era digitale: incontrare e cantare in coro. Nella nostra cerchia di amici lo facciamo e anche se le nostre voci non sono le più melodiche, tutto è detto, ci siamo divertiti. Non smettere di cantare di Natale dopo il 26 dicembre!

Lasciateli suonare durante i 12 giorni di Natale e specialmente in questa ultima notte, riunisciti per cantare insieme. Per noi, la canzone We Three Kings è il successo assicurato dell’Epifania. Se tra di voi ci sono dei cantanti disponibili, puoi organizzare che ogni verso sia cantato da una persona diversa per rappresentare ciascuno dei re. Guadagna punti extra che vengono vestiti con abiti regali.

4. Benedizione con il gesso

La prima volta che mi sono aggiornato con i tempi e ho iniziato a utilizzare i social media, mi sono reso conto che avevo amici che condividevano le immagini delle loro porte all’inizio di gennaio con una formula algebrica incomprensibile scritta con il gesso sulla cornice esterna.

L’anno scorso, quello che ho visto è stato questo: “20 + C + B + M + 18”. Che delizioso enigma! Presto ho saputo che non era un problema matematico che tutti si sono presentati spontaneamente sulla soglia di casa in uno scoppio di isteria collettiva, ma che è una tradizione dell’Epifania.

Il numero dell’anno è diviso in due parti e le lettere centrali sono le iniziali dei nomi tradizionali dei re Magi che hanno seguito la stella: Gaspar (in latino Caspar), Melchiorre e Baltasar. Le lettere sono anche l’acronimo della frase latina ” Christus mansionem benedicat “ , cioè “Possa Cristo benedire questa casa”. Il segno “+” rappresenta il segno della croce.

Userei qualsiasi gesso, ma assicurati che un prete ti abbia benedetto prima. Molti parroci hanno già benedetto un intero cesto di gessi con l’arrivo dell’Epifania, ma se il tuo parroco non lo fa, puoi portarlo tuo e chiedergli di benedirlo. Fategli sapere in anticipo in modo che possa trovare le frasi appropriate, ma sicuramente lo farà con piacere. Una volta che sei a casa davanti alla porta, scrivi il marchio come famiglia e ricorda che i simboli rappresentano la presenza di amore e grazia nella tua casa. Il gesso finisce col cancellarsi con il tempo o viene pulito con la pioggia, ma la benedizione viene mantenuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *