Come agisce la mano di Dio nella guarigione con l’acqua di Lourdes.

Print Friendly, PDF & Email

Come agisce la mano di Dio nella guarigione con l’acqua di Lourdes.

I miracoli che accadono sulla terra sono la mano di Dio che agisce.

E ci sono luoghi sulla Terra dove questi miracoli si moltiplicano.

Come nel caso della città di Lourdes nei Pirenei del sud della Francia.

Era il luogo di una miracolosa serie di visioni nel 1858.

Santuario di Lourdes in Francia

Dall’11 febbraio, nella vicina grotta di Massabielle, Bernadita Soubirous, 14 anni, ha visto la Vergine Maria 18 volte.  

Due settimane dopo, una fonte d’acqua apparve nella grotta. 

Otto milioni di pellegrini ora visitano il santuario ogni anno e affermano che le acque manifestano notevoli poteri di guarigione. 

La Chiesa cattolica ha documentato circa 7000 casi di cure inspiegabili   nel santuario e ne ha dichiarato l’1% come miracoli ufficiali.

I medici certificatori che indagano sulle cure hanno visto cose davvero miracolose .

Le loro esperienze fanno pensare che il velo che separa la terra dall’aldilà diventi in alcuni casi tenue.

E che le meraviglie sono solo lontane da noi.

Ecco perché un medico legale nel santuario di Lourdes non ha dubbi che le esperienze di pre-morte che ha visto descrivono la vita annunciata da Gesù Cristo.

In questo articolo portiamo 10 miracolose storie di guarigione a Lourdes .

LA SOSPENSIONE DELLE LEGGI MICROBIOLOGICHE E PATOLOGICHE A LOURDES

Quasi fin dall’inizio il pellegrinaggio alla grotta di Massabielle, sulle rive del fiume Gave de Pau, in Francia, divenne un grande luogo di guarigione.

La Chiesa ha scoperto che ci sono state molte guarigioni miracolose, ma anche un forte attacco da parte della stampa massonica che queste cure non sono state ammesse.

Persino le autorità civili vennero a proibire ai pellegrini di prelevare acqua dalla fontana .

Così nel 1878 , 20 anni dopo le apparizioni, la gerarchia cattolica formò l’ufficio delle scoperte mediche , che da quel momento ha il compito di determinare se una cura è scientificamente spiegabile o meno.

Che cosa equivale a dire se è miracoloso o no.

Questa commissione è composta da centinaia di medici di tutto il mondo , molti dei quali atei.

Chi analizza gli studi che vengono presentati scartando dalla piquetta qualsiasi componente nervosa , perché potrebbero essere malattie causate da isteria o simulazioni.

Prendono anche in considerazione solo quelle cure che sono istantanee o senza convalescenza.

E d’altra parte, poiché il processo non è molto semplice, ci sono possibili miracoli che non sono dichiarati e quindi non sono studiati.

Se un singolo medico di comitato ha dei dubbi sull’interpretazione di un’analisi, il caso viene automaticamente respinto.

E anche dopo un anno di aver prodotto la cura inspiegabile, la persona viene invitata all’ufficio medico, dove tutti i medici che lo desiderano possono rivederlo di nuovo .

Cioè, deve esserci un accordo unanime tra tutti i medici per dichiarare che è inesplicabile per la scienza.

I criteri che vengono utilizzati per una possibile cura non spiegata è che la malattia deve essere seria e con prognosi irrevocabile, deve essere di origine organica o lesione fisica .

Non dovrebbero esserci componenti psichiatrici o altri pretrattamenti per la cura.

La guarigione deve essere improvvisa e istantanea e ripristinare tutte le funzioni, durature e senza convalescenza .

Fino alla fine del 2018 la commissione medica ha dichiarato 70 casi inspiegabili che la Chiesa considera miracolosa.

L’ultimo caso di guarigione miracolosa proviene dalla suora Bernadette Moriau , che per quattro decenni ha sofferto di una malattia che non l’ha lasciata camminare.

La guarigione miracolosa avvenne in pellegrinaggio a Lourdes nel 2008 e solo nel 2018 fu dichiarata miracolosa dalla Chiesa.

Questo dimostra la cautela e la sicurezza con cui lavorano la Commissione medica e la Chiesa.

Perché ci sono state più di 7000 cure inspiegabili , ma molti di loro hanno avuto qualche dubbio come ingrediente di un dottore ed è per questo che sono stati scartati

Anche così, gli oppositori dei fenomeni soprannaturali insistono nell’attribuire tutto a fenomeni psichiatrici o isteria o allucinazioni, che generano alterazioni psicosomatiche del sistema neurovegetativo.

Ma c’è un fenomeno ancora più miracoloso, che è l’acqua di Lourdes.

All’inizio c’erano 5 uscite d’acqua dalla sorgente e ora ce ne sono solo 2.

L’acqua scorre attraverso due piscine, una per gli uomini e una per le donne, in cui l’acqua viene cambiata due volte al giorno .

In queste pozze le persone con ferite, ulcere cutanee, infezioni , ecc. Sono sommerse .

Pertanto, c’è una quantità enorme di microrganismi patogeni nella piscina .

Ma c’è ancora chi si inietta quell’acqua o addirittura la beve.

Il dott. Auguste Vallé prese un campione delle acque nel 1928 e trovò molti microbi come stafilococchi, streptococchi, coccobacilli, colibacillus ecc., Portatori di gravi patologie.

Con quest’acqua iniettò animali da laboratorio e la reazione di quegli animali fu immediatamente neutrale, non si ammalarono.

E 6 mesi dopo, non sono state trovate lesioni patologiche.

Sei anni dopo, ha eseguito lo stesso studio con gli stessi risultati.

Ma nel 1936 ha ampliato la ricerca prendendo campioni di acqua dalla Senna .

E i test hanno rivelato la presenza dello stesso batterio trovato nelle pozze di Lourdes .

Con quest’acqua iniettò 6 topi e 3 morì in poche ore .

Pertanto ha concluso che l’acqua di Lourdes è sicura per scopi igienici nonostante contenga bacilli pericolosi.

E da lì ci fu una dichiarazione di 300 medici che firmarono che le leggi microbiologiche e patologiche sono inspiegabilmente sospese nelle piscine di Lourdes.

10 MIRACOLI SPETTACOLARI DI LOURDES

Catherine Latapié: dita paralizzate

Secondo i rapporti, la prima persona guarita a Lourdes era caduta da un albero mentre era incinta .

La sua mano si spezzò in autunno ma salvò il bambino.

Si slogò il braccio, spezzando un grande fascio di nervi e paralizzando due dita, in modo permanente .

O così la gente credeva.

Durante le prime ore del mattino del 1 marzo 1858, Caterina visitò Lourdes, ancora incinta .

Incontrò Bernadette ei due pregarono insieme .

Quando Bernadette scoprì la fontana per la prima volta, Caterina si lavò la mano e le sue dita si mossero come prima dell’incidente.

Tornò a casa più tardi quella notte e diede alla luce il figlio che stava trasportando.

Nel 1882, 24 anni dopo, quel figlio fu ordinato sacerdote.

Louis Bouriette: Cecità parziale

Quando Joseph e Louis Bouriette furono catturati in un’esplosione di cava nel 1853, solo Louis riuscì a fuggire vivo.

Tuttavia, non è sfuggito senza ferite.

I medici gli diagnosticarono una ” amaurosi incurabile” , o cecità permanente, nell’occhio destro.

Ha vissuto con l’infortunio per 20 anni , fino a quando ha sentito la notizia della grotta di Lourdes nel marzo 1858.

Non poteva visitare la fontana proprio lì, ma mandò sua figlia a prendere dell’acqua per lui.

L’acqua era fangosa, ma si bagnava ripetutamente il suo occhio destro.

Tre giorni dopo, il suo occhio diabolico cominciò a visualizzare gli oggetti.

Presto, ha riacquistato la visione completa .

Il suo dottore dopo l’incidente, il dottor Dozous, ha documentato il recupero, esprimendo pienamente il suo stupore .

Marie Savoye: Fallimento delle valvole cardiache

Per 13 anni, Marie Savoye de Cambrai, nel nord della Francia, ha sofferto di malattia reumatica cardiaca della valvola mitrale.  

Oltre al suo cuore debole, aveva una febbre costante e continuava a sputare sangue .

Nel 1901, voleva andare a Lourdes , ma i suoi dottori dissero che era troppo malata per essere messa in acqua lì.

Tuttavia, ciò non sembrava impedirgli di ricevere i benefici di guarigione di Lourdes.

Durante una cerimonia per lei a Lourdes della  Benedizione del Santissimo Sacramento  , tutti i suoi sintomi sono scomparsi all’improvviso.

Trascorse gran parte del resto della sua vita ad aiutare gli altri per l’aiuto fisico e spirituale che aveva ricevuto.

Marie Borel: Fistole intestinali, ascessi

Marie Borel proveniva da Mende, nella Lozère, nella zona rurale montuosa della Francia sud-orientale.

Da quando aveva 22 anni ha sofferto ripetuti attacchi di appendicite acuta.

Anche se un’appendicectomia nel 1925 all’ospedale di Montpelier risolse quel problema medico, sviluppò una serie di altri  problemi allo stomaco .

Compresi i problemi nel tratto intestinale .

Complicazione dopo complicanza, le operazioni successive non hanno avuto successo.

E oltre a sviluppare altri due ascessi, ha sperimentato il mal di schiena che gli ha impedito di camminare per quasi tre anni.

Il 21 e il 22 agosto 1907 fu sommersa nell’acqua di Lourdes.

Fu osservato a quel tempo che quando le bende che coprivano i loro ascessi venivano rimosse, gli ascessi erano in gran parte guariti.

Ciò che alla fine ha portato a una piena ripresa .

Non solo, le bende erano inspiegabilmente asciutte.  

Henriette Bressolles: tubercolosi, insufficienza renale e paralisi interna

Henriette Bressolles era un’infermiera militare che prestò servizio nel 1914, durante la prima guerra mondiale .

Nonostante questo terribile spargimento di sangue, è fuggita incolume dalla guerra.

Nel 1918, tuttavia, fu ricoverata in un ospedale militare con la malattia di Pott, un tipo di tubercolosi che compare nella colonna vertebrale al sito dei polmoni .

La paralisi dell’intestino, della vescica e una forma di meningite si accompagnarono a questa malattia .

Dal 1922 fu confinato in uno stampo di gesso modellato  e sottoposto a numerosi trattamenti per i suoi disturbi sempre più gravi e complicati.

Negli anni successivi le cose peggiorarono.

Henriette ha sviluppato uraemia, in cui i reni si rompono e i prodotti di scarto nelle urine rimangono sospesi nel sangue.

Ma il 7 marzo 1924 fu portata a Lourdes.

Dopo una visita alla grotta, sentì un ” forte dolore ” e in pochi giorni la sua guarigione fu completata e lui riprese la mobilità.

Suor Marie Marguerite: Insufficienza renale, Angina, Edema

La cura di Suor Marguerite non è avvenuta a Lourdes, ma ha avuto accesso all’acqua nella sua grotta .

Questo ha incoraggiato molti che non potevano raggiungere Lourdes , ma hanno cercato il suo potere di guarigione.

La fonte di tale guarigione miracolosa potrebbe evidentemente essere trasportata.

Nel 1924 soffriva di malattie renali, angina, edema (grave gonfiore) alle gambe e un grande dolore che lo accompagnava.

Quando le sue condizioni si deteriorarono, quelli che si prendevano cura di lei sostituirono tutte le sue medicine con l’acqua di Lourdes.

Allo stesso tempo, le altre suore del suo convento hanno iniziato una novena a Nostra Signora di Lourdes da Suor Marguerite.

L’ultimo giorno della novena, il dolore di Suor Marguerite cominciò a diminuire, e lei si riprese completamente dalle sue malattie.

Il giorno seguente, stava svolgendo i suoi compiti regolari .

Francis Pascal: Cecità totale, meningite

Francis Pascal de Beaucaire in Francia è stato il secondo figlio a essere curato a Lourdes.

Nel 1937, all’età di tre anni, Francis sviluppò una meningite, lasciandolo cieco e senza alcun reale uso delle sue membra .

Diversi medici hanno certificato la loro condizione.

Ha fatto il bagno nelle acque curative due volte nel 1938.

Dopo la seconda immersione, prima ancora che sua madre lo lasciasse a terra, il ragazzo puntò improvvisamente un dito contro un triciclo lì vicino, sulla spianata.

La sua vista è tornata, e le sue membra hanno  riacquistato la loro capacità di funzionare. 

In una visita del 1946 all’Ufficio medico delle verifiche, il suo primo esame completo, dichiarò che “la cura confermata fu mantenuta per più di otto anni, per i quali non c’era alcuna spiegazione medica possibile” .

Trascorse gran parte della sua vita successiva a godersi la sua vista  leggendo romanzi classici

Yvonne Fournier: braccio paralizzato

Nel 1940, Yvonne Fournier, 17 anni, lavorava in una fabbrica a St. Alevis, in Francia, quando una puleggia da una macchina le afferrò il braccio sinistro.  

Ha ricevuto nove operazioni consecutive sul braccio , ma ha fatto poco, il braccio era completamente paralizzato.

Poi, nel 1945, Lourdes organizzò un pellegrinaggio nazionale, il primo dalla fine della seconda guerra mondiale.

Circa 50.000 cattolici francesi hanno visitato il santuario , e Yvonne era lì il primo giorno del pellegrinaggio, il 19 agosto.

Cominciò a sentire il braccio e riacquistò la funzionalità non appena lo immerse nell’acqua.

La sua guarigione era una delle due che l’ufficio medico di Lourdes riconobbe quella settimana.

Rose Martin: cancro alla gola

Nel 1945, a Rose Martin di Nizza fu diagnosticato un cancro alla gola.

due operazioni separate hanno fatto ben poco per trattarlo .

Nel 1947 era praticamente in coma .

Per portarla a Lourdes, la famiglia di Rose ha dovuto darle forti dosi di canfora e morfina  per rendere il viaggio sopportabile.

Ci sono volute tre immersioni nell’acqua perché l’anestesia scomparisse e la sua malattia ha cominciato a scomparire insieme a lei.

Sentì un netto miglioramento e iniziò a muoversi da solo.

Al suo ritorno a Nizza, i medici non hanno trovato traccia della sua malattia.

Jean-Pierre Bely: sclerosi multipla

Jean-Pierre Bely ha trascorso diversi anni come infermiere di terapia intensiva prima di essere un paziente.

Nel 1972 gli fu diagnosticata la sclerosi multipla e il suo sistema nervoso lo colse nel decennio successivo.

Passò dall’uso di un bastone a una sedia a rotelle per essere completamente a letto .

Nell’ottobre del 1987, fece una rara uscita dal suo letto per un pellegrinaggio a Lourdes .

Il giorno dopo la sua visita, ha sperimentato una nuova sensazione nella sua pelle.

Sentì freddo e un po ‘di dolore, ma poi divenne una crescente sensazione di piacevole calore.

Poi, lentamente, scoprì che poteva muovere le braccia e persino camminare.

Si sentiva così consapevole del suo recupero  che, sulla strada per la stazione ferroviaria, per tornare a casa, abbandonò completamente la sedia a rotelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *