Andavano dai guaritori e ci sono voluti quattro anni di esorcismi per liberarli dal diavolo.

Print Friendly, PDF & Email

Andavano dai guaritori e ci sono voluti quattro anni di esorcismi per liberarli dal diavolo.

Il guaritore li convinse di essere stati feriti dall’invidia, che c’erano anche mali nella loro casa, spaventandoli con una moltitudine di bugie, mostrandogli come unica, la soluzione ai loro mali.

L’ascesa delle sette, sincretismo religioso e delle pratiche occulte, è una realtà che coinvolge migliaia di persone nel mondo che ingannato dalle promesse di guru, sciamani o stregoni rischiano la loro integrità fisica, mentale, morale e spirituale. 

E ‘quello che Omar Eduardo Suarez vissuto – un uomo semplice, ora 39 anni dedicata al lavoro sul campo nei pressi di Lobos, città Argentina nella provincia di Buenos Aires e la sua famiglia. 

Come molti bambini del suo ambiente è cresciuto senza alcuna educazione religiosa e sin da quando ha iniziato a relazionarsi – senza esserne consapevole – all’occulto … A Portaluz, nella regione in cui vivevano era molto normale per andare a guaritori tradizionali a “guarire” qualsiasi condizione, “Ho visto un ragazzo nella mia famiglia, non essendo credente, che per ogni piccola cosa stava dal guaritore, e lo sapevo da ragazzo. Qui è normale portare i bambini a curare la iettatura, il malocchio, quelle cose che esistono, quelle credenze che vanno dappertutto. ” 

L’inganno

Crescendo e dopo alcuni anni di matrimonio, la moglie di Eduardo, Ludmila, presentava sintomi come quelli che causano un ictus (incidente cerebrovascolare), sebbene gli studi clinici lo escludessero. “Mia moglie era mezza paralizzata, lei era in un letto prostrata, come se fosse un ACV”, dice Eduardo. 

Mentre ero in ospedale, un giorno una signora apparve nella stanza, visitando un altro paziente. Vedendo lo stato della moglie di Eduardo, l’angoscia che mostrava, lo chiamò al lato della stanza e gli parlò a bassa voce … “Mi chiede se credevo nei guaritori. Ovvio che in quel momento ho detto di sì, credevo nelle persone che guarivano e, se potevano vedere mia moglie “, dice. 

Un paio di giorni dopo il guaritore menzionato arrivò da sua moglie. Quell’uomo ha immediatamente iniziato il suo intervento. Eduardo racconta e commenta cosa è successo: “Passa le mani in alcuni punti, gli prega, in silenzio, mia moglie si alza e cammina, davanti a me! Lì credo che mi abbia battuto, totalmente. Un falso miracolo, mi ha vinto. E dopo ho pensato che stavo facendo molto, facendo quello che mi ha chiesto di fare “.

Di male in peggio

Infatti il guaritore lo ha convinto di essere danneggiato da gelosie, che aveva anche il male nella sua casa -spaventandoli con infiniti cavilli, mostrandosi come l’unica soluzione ai loro mali, e ordinò loro di cambiare due volte abitazioni. L’ultimo trasferimento sarebbe alla casa del curandero per ricevere un “trattamento intensivo” lì. “L’uomo era in una vicina città Lobos e mi ha convinto a rimanere lì, a vivere … Come altri guaritori, lui diceva  le sue invocazioni in silenzio, davanti a un altare con immagini di santi, tra le quali quella di Gauchito Gil (considerato santo ma non riconosciuto dalla chiesa cattolica) e altri immagini che, beh, non sono erano benedette. In nessun momento mi hanno consigliato di prendere la Bibbia, andare in chiesa, rivolgermi a un prete, no, mai. Allontanandomi sempre da tutto, non trasmettendomi mai una parola di pace, ma stai lontano, isolati; che,

I giorni in cui sono rimasti nella casa del curandero non hanno portato la guarigione promessa, perché sia la moglie di Eduardo che la loro figlia hanno cominciato a esprimere reazioni inaspettate di autoaggressività. In un barlume di razionalità, suppose che potessero essere guasti nervosi, attribuibili allo stress psicologico e cercò un nuovo aiuto. 

Prima del sacerdote

Lasciò quel guaritore, ma come dice il proverbio, cadde dal fuoco alle braci, perché andò alla ricerca di un altro sciamano che era stato raccomandato, poi un altro e un altro. “La stessa cosa è successa ovunque, la soluzione magica, il pagamento e poi tutto di nuovo sbagliato; fino a quando siamo arrivati alla parrocchia di padre René Cari martedì 5 agosto 2014. Sono arrivato in una parrocchia (San Vicenzo Pallotti, Lobos, Argentina) per la prima volta mezz’ora dopo essere stato  da un altro guaritore. “

Eduardo ha vivido nella sua memoria quel primo incontro con la vita cristiana, che non faceva parte della loro vita, e ancor meno sapeva cosa il prete avrebbe fatto per aiutarli. Sua moglie Ludmila, dice, come in uno stato di assenza “l’aspetto brutto, perduto”, reagì come un fulmine per sentire che il prete stava arrivando. “Il demone si manifestava in lei, non poteva sopportare, non voleva essere lì … E il colore che assumeva la sua faccia, non avevo mai visto una persona così prima. Era sconcertato, spaventato, non capiva nulla; inoltre, quando le hanno rivolto le prime preghiere, le ho guardate tutte perché non capivo cosa stesse succedendo “ricorda Edoardo commosso fino alle lacrime.

Il demone sconfitto

Una volta arrivato il prete, “la battaglia è iniziata”, Eduardo riassume ed era di una tale magnitudine, aggiunge, che temeva di “perdere la mia famiglia”.Per quasi quattro anni nei quali hanno pregato con il sacerdote con preghiere di liberazione ed esorcismi, sostenuti anche dalla comunità parrocchiale, fino a quando la moglie e la figlia di Eduardo sono liberate da Dio dal possesso demoniaco che avevano subito.

Eduardo conclude che questo è stato un processo di conversione, guarigione, incontro con Dio per tutta la famiglia. “A poco a poco imparavamo e ci aggrappavamo a ciò che ci hanno insegnato, la preghiera del rosario, la preghiera a San Michele Arcangelo … Beato il problema che mi ha portato in questo posto; Sì, ringrazio Dio per avermi chiamato, perché ha chiamato tutta la nostra famiglia … e abbiamo dovuto toccare il fondo per stare con Lui. Il mio sogno è andare in paradiso, sì, combatto per questo ; La mia missione è che la mia famiglia non si perda, figli miei, nipoti, niente. E sogno per i miei genitori, i miei fratelli, tutta la famiglia, la famiglia di mia moglie,  la conversione, la vera conversione in tutte le persone “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *