3 modi per distinguere tra la voce di Dio e la voce del diavolo.

Print Friendly, PDF & Email

3 modi per distinguere tra la voce di Dio e la voce del diavolo.

Una delle abilità che dobbiamo sviluppare nella nostra vita spirituale è discernere chi parla all’anima: Dio o il diavolo

Una delle abilità che dobbiamo sviluppare nella nostra vita spirituale è discernere chi ci parla nel profondo della nostra anima. Senza questa abilità corriamo il rischio di seguire una voce che ci porta lontano da Dio in un luogo di eterna solitudine e disperazione.

Ecco tre aspetti che ci aiuteranno a seguire la voce del Buon Pastore (Dio) invece del lupo con la pelle di pecora (il Diavolo).

In particolare, i messaggi di Satana hanno sempre queste tre caratteristiche :

1.- Sono contro i comandamenti di Dio Proprio come con Adamo ed Eva nel Giardino dell’Eden, Satana cerca di guidarci lontano dai comandamenti di Dio.

Il diavolo cercherà di convincerci che non abbiamo bisogno di andare a messa o che la pornografia non è così male o che i pettegolezzi non fanno davvero del male a nessuno.

Ecco perché abbiamo bisogno di formare la nostra coscienza intorno ai 10 comandamenti e non solo pensare che sia sufficiente che non facciamo del male a nessuno.

C’è molto di più nei comandamenti che non semplicemente non uccidere nessuno. Dobbiamo cercare di fare un buon esame di coscienza.

2.- Creano ansietà invece di pace Il diavolo cerca di dividerci e conquistarci, e nel processo crea grande confusione nelle nostre vite. “In effetti, una delle strategie più comuni del diavolo è il suo sforzo di allontanarsi da Dio e diminuire il nostro progresso spirituale, per cercare di perdere la nostra pace interiore”, ha detto don Lorenzo Scupoli, che era molto caro a San Francisco de Sales. Fa tutto il possibile per rimuovere la pace dai nostri cuori, perché sa che Dio dimora in pace ed è in pace che Egli completa grandi cose “. (Cercare e mantenere la pace: un piccolo trattato sulla pace interiore, di padre Jacques Philippe)

La chiave qui è sempre quella di verificare se la voce o la decisione che ci accingiamo a darci pace o ansia nei nostri cuori.

Questa parte è vitale per discernere la volontà di Dio ogni giorno, specialmente quando si tratta di discernere la nostra vocazione nella vita. Dio è un Dio di pace. 

3.- Il diavolo ci accusa e ci deprime Un altro aspetto chiave della voce di Dio è che Egli cerca sempre di riaffermarci e ci dice che siamo belli nei suoi occhi come i Suoi figli che siamo.

Il diavolo cerca di convincerci che siamo esseri umani terribili, spregevoli, orribili. Farà di tutto per dirci che siamo senza valore, che siamo peccatori, uomini e donne miserabili.

Dopo aver commesso un peccato, il Diavolo ci dirà sempre che Dio non ci ama e che non siamo degni del Cielo. Satana è l’accusatore.

Il Diavolo odia il Sacramento della Confessione con tutte le sue forze e farà ciò che può per dirci quanto siamo miserabili e non dovremmo mai essere soggetti alla Misericordia di Dio.

Al contrario, Dio ci dirà sempre quanto siamo belli nei suoi occhi e non dovremmo mai aver paura di ritornare alla Sua presenza. È il Padre del Figlio prodigo, sempre pronto a riceverci dopo che siamo caduti e risorti.

Dio vuole fare una festa per noi e sacrificare il vitello grasso. Dio è il nostro difensore.

La battaglia spirituale per la nostra anima non è facile, ma prendendo questi tre principi saremo migliori, seguendo la voce di Dio invece del Nemico che cerca di distruggerci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *