4 cose che forse non sapevi sull’albero di Natale

Print Friendly, PDF & Email

4 cose che forse non sapevi sull’albero di Natale 

 L’albero di Natale può essere benedetto durante la stagione liturgica dell’Avvento, la vigilia di Natale o lo stesso giorno di Natale. 

1.- L’origine dell’albero di Natale

L’origine dell’albero di Natalerisale alle opere misteriose del tempo medievale in Europa, in particolare in Germania. Gruppi di trovatori e attori hanno viaggiato di città in città presentando parodie su varie verità della fede.

Uno dei tanti ha messo in scena il peccato di Adamo ed Eva nel Giardino dell’Eden e la caduta dell’umanità, un momento oscuro della storia per coincidere con l’oscurità del solstizio d’inverno.

Il lavoro aveva un albero del paradiso, l’albero della vita, un pino verde decorato con mele, il frutto proibito.

Nel tempo, per aggiungere speranza a un evento così deprimente, l’albero era anche decorato con pezzi di pane o biscotti: il peccato veniva dal mangiare le mele; La grazia viene dal ricevere l’Eucaristia.

Alla fine, la popolarità di quelle opere misteriose svanì, ma la tradizione dell’albero rimase senza il precedente focus sul peccato di Adamo ed Eva.

L’ albero di ornamenti di Natale si è evoluta da mele, mele e arance, e per arrotondare questi oggetti dai colori vivaci e, infine, per le luci di Natale che vediamo oggi; e i biscotti si sono evoluti in biscotti sotto forma di stelle, angeli e animali fino alle decorazioni natalizie che attualmente utilizziamo

2.- Posizione dell’albero di Natale

La posizione più antica e tradizionale dell’albero di Natale si trova all’interno della casa di famiglia.

È anche comune ora avere uno o più alberi all’interno delle chiese dove contribuiscono alla solennità del festival e aggiungono gioia alla Buona Novella della Natività.

Gli alberi non dovrebbero mai ostruire la vista dell’altare, il leggio o la sedia del celebrante.

3.- Tempo adeguato per il suo utilizzo

Secondo la Benedizione: le benedizioni rituali, l’albero di Natale è installato prima di Natale e può rimanere sul posto fino alla solennità dell’Epifania (n. 1571, Libro delle benedizioni).

Molti preferiscono che l’albero di Natale sia esposto durante la stagione dell’Avvento-Natale a partire dalla prima domenica di Avvento e continuando fino al Battesimo del Signore.

4.- Simboli dell’albero di Natale

L’ albero di Natale all’interno della casa di famiglia è piccolo e giovane rispetto agli alberi che sono cresciuti in periferia, che è un simbolo del bambino Cristo che era un bambino quando è nato.

L’ampia base dell’albero si restringe gradualmente come se puntasse verso l’alto, dirigendo l’attenzione verso il cielo da dove il bambino Dio venne (Gv 3,13b; 6,38) e da dove ritornerà (Lc 24,51; Ef 1,20; 1 Pe 3,22) .

I rami sempreverdi rappresentano l’eternità: l’amore eterno di Dio; e Gesù, la parola eterna (Jn 1,1) ; un essere eterno, “colui che è, che era e che deve venire” (Ap 1,8) ; e colui che porta il dono della salvezza eterna (Eb 5,9) .

Le luminose luci di Natale rappresentano Gesù, la luce del mondo (Jn 1,4-5,9; 8,12; 12,46)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *