Un resoconto divertente e pio di ciò che la Madonna sta facendo in cielo.

Print Friendly, PDF & Email

Un resoconto divertente e pio di ciò che la Madonna sta facendo in cielo. Questa è una tra le storie più conosciute e raccontate e anche se non ha alcun fondamento teologico, fa capire come la Vergine Maria si sforza di aiutarci, di salvarci, di portarci da Gesù malgrado i nostri sbagli, i nostri peccati e la nostra difficoltà a perseverare nelle virtù.

Si racconta che a un certo punto San Pietro iniziò a notare la presenza di anime in paradiso che non ricordava di aver lasciato entrare, eppure lui era sempre sulla porta e controllava ogni anima, non era quindi possibile e iniziò a investigare. Poi trovò il posto dalle quale entravano e si intrufolavano.

S.Pietro andò allora dal Signore e gli disse:

Gesù, ho capito che qui abbiamo diverse anime che non ricordo di aver lasciato entrare. Ho fatto alcune indagini e ho scoperto da dove vengono. Vorrei che tu lo vedessi da te, se non ti dispiace. ”

Gesù con tanta serenità seguì san Pietro e osservò che, effettivamente, c’era un’entrata dalla quale entrava un numero incalcolabile e impressionante di anime che salivano in paradiso. Allarmato San Pietro disse: “Non dovremmo chiudere questo ingresso, Signore?”

Ma Gesù, sorridendo e divertito dalla scena rispose: “No, no … lascia stare. Questa è opera della mamma! “

Maria aveva lasciato un enorme rosario appeso a una finestra, e attraverso di essa una moltitudine di anime saliva costantemente verso il Cielo.

Non c’è da meravigliarsi che quando chiudiamo noi stessi le porte del Paradiso con le barre del peccato, Maria ci apra una finestra, in modo che possiamo sempre avere una seconda possibilità (e una terza e una quarta). Riprendiamo in mano il Rosario, l’arma più forte che abbiamo per combattere il male, le malattie, i nostri peccati, la soluzione ad ogni nostro problema, vedremo meraviglie, con il rosario si fermano le guerre e si abbattono i muri e si inizia a salire la scala verso il Paradiso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *