Tre preghiere a San Gabriele dell’Addolorata per chiedere una grazia.

Print Friendly, PDF & Email

Tre preghiere a San Gabriele dell’Addolorata per chiedere una grazia. Oggi nella festa di San Gabriele dell’Addolorata, riscopriamo questo grande santo che tanti miracoli ha concesso durante la sua breve vita e tanti ancora ne dispensa a chi, con tanta fede, invoca il suo aiuto e la sua protezione.

Preghiera a San Gabriele dell’Addolorata

O angelico giovane Gabriele, che con l’ardente vostro amore a Gesù Crocifisso, e con la tenera compassione alla Vergine Madre Addolorata, vi rendeste in terra specchio d’innocenza ed esemplare di ogni virtù; a voi ci rivolgiamo pieni di fiducia implorando il vostro soccorso. Deh! mirate quanti mali ci affliggono, quanti pericoli ci circondano, e come da ogni parte si tendono insidie alla gioventù in singolar modo, per farle perdere la fede ed i costumi. Voi, che viveste sempre vita di fede, ed anche fra le tentazioni del secolo vi manteneste puro ed illibato; volgete sopra di noi uno sguardo pietoso, ed aiutateci. Le grazie da voi concesse continuamente ai fedeli, che v’invocano, sono tante, che noi non possiamo né vogliamo dubitare dell’efficacia del vostro patrocinio. Otteneteci finalmente da Gesù Crocifisso e da Maria Addolorata, rassegnazione e pace; affinché vivendo costantemente da buoni cristiani in tutte le vicende della vita presente, possiamo un giorno essere con voi felici nella patria celeste. Così sia.

O santo dei giovani e di quanti cercano Dio nella sincerità del loro cuore, insegnaci a porre Dio al primo posto nella nostra vita. Tu che lasciati il mondo, ove vivevi una vita tranquilla, serena ed allegra, attratto da una speciale vocazione alla vita consacrata, guida i nostri giovani a sentire la voce di Dio e a consacrarsi a Lui mediante scelte radicali di amore.

Tu, che alla scuola di San Paolo della Croce, ti alimentasti alle sorgenti dell’Amore crocifisso insegnaci ad amare Gesù, morto e risorto per noi, come lo amasti tu con tutto il cuore. Tu, che hai scelto la Vergine Addolorata, come guida sicura verso il Calvario,

insegnaci ad accettare le prove della vita con santa rassegnazione alla volontà di Dio. O Gabriele della Vergine Addolorata, che all’Isola del Gran Sasso richiami fedeli e pellegrini di ogni parte del mondo, porta a Cristo le anime smarrite, sfiduciate e senza Dio.

Con il tuo fascino spirituale, con la tua giovanile e gioviale santità indirizza le persone che hanno già intrapreso la strada della perfetta carità sulla via della vera unione con Dio e del sincero amore verso ogni uomo di questo mondo. Amen.

Preghiera degli sposi

Caro san Gabriele, ti preghiamo di accogliere sotto la tua protezione la nostra famiglia e di aiutarci a costruirla secondo il piano di Dio. Fa’ che la grazia del sacramento del matrimonio che abbiamo ricevuto consolidi ogni giorno il nostro amore perché renda testimonianza dell’amore di Dio in mezzo alla comunità degli uomini.

Illumina la nostra coscienza nell’esercizio della maternità e paternità responsabili. Fa’ che il nostro amore sia al servizio della vita nell’accoglienza dei figli e nella disponibilità verso i deboli, i poveri, gli abbandonati della società.

Ottienici la grazia di saper dialogare coi nostri figli e di comprendere i loro problemi. Aiutaci a capire che i figli non sono nostra proprietà ma appartengono a Dio che li ha chiamati alla vita per mezzo nostro; egli affida a ciascuno di essi una missione che noi dobbiamo servire.

Fa’ che la nostra famiglia sperimenti la pace, la concordia, l’amore, la buona salute, e che le prove della vita non ci scoraggino ma ci facciano comprendere meglio l’amore di Dio e la sua volontà su di noi.

Amen.

Preghiera del malato

Caro san Gabriele, mi rivolgo con fiducia alla tua intercessione per ottenere da Dio la grazia e la forza di cui ho bisogno.

Fa’ che io accetti con fede la mia situazione e consideri la malattia non come una sfortuna, ma come un invito a comprendere meglio il senso e lo scopo della vita. Rafforza la mia fede perché io riesca a valutare il dolore come un dono prezioso e un’occasione per amare di più.

Nella tua malattia, da fanciullo, tu pregasti con fede e ottenesti la grazia della guarigione. In seguito, ammalato gravemente nel colmo della giovinezza, accettasti il volere di Dio con amore sconfinato.

Ottienimi dal Signore la grazia della guarigione se è secondo la sua volontà, perché io possa dedicarmi al servizio degli altri con freschezza di forze e profusione di amore.

Ottienimi soprattutto la grazia di accogliere la mia malattia, finché durerà, come disegno di Dio per unirmi alla Passione di Gesù completandola nel suo corpo che è la Chiesa, e per la salvezza del mondo.

Amen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *