Messi, la Vergine e una promessa … se l’Argentina vince la Coppa del Mondo

Print Friendly, PDF & Email

Messi, la Vergine e una promessa … se l’Argentina vince la Coppa del Mondo. 

Una semplice promessa che ha causato immediatamente scalpore

Con una semplice promessa il calciatore Lionel Messi ha causato commozione immediata in tutto il mondo in questi mondiali di calcio. Il numero 10 del Barcellona e  la squadra argentina hanno promesso che se l’Argentina diventa campione del mondo dei pellegrini, andranno in pellegrinaggio a piedi da casa, al santuario mariano di San Nicolás.

Il giornalista di TyCSports Martín Arevalo gli ha proposto “Se diventiamo campioni del mondo, camminiamo verso Luján, o San Nicolás”?  Messi ha riso, ha riflettuto per un momento e ha risposto che sarebbe andato in pellegrinaggio a piedi al santuario più vicino alla sua abitazione,  pensò, un santuario nato e cresciuto praticamente con lui, a soli 50 chilometri dal suo Dry Creek : “sì sì, ovvio, a San Nicolás” . E ha sigillato il suo impegno stringendo la mano del giornalista.

Anche Sergio “el Kun” Agüero ha aderito alla promessa. Preoccupato di non dover passare da Buenos Aires al santuario di Maria di San Nicola, che sarebbe un percorso circa 300 chilometri Kun è entrato nella promessa, ma partirà dalla casa di Messi. E quando ha saputo che sarebbero  stati solo  50 chilometri, ha dichiarato: “trotto”.

A San Nicolás, li avrebbero aspettati a braccia aperte e avrebbero anche provveduto a preparare un buon pranzo.  Il portale Infocielo ha consultato l’assessore Manuel Passaglia, responsabile del municipio di San Nicolás de los Arroyos,  e lo  ha intervistato su come avrebbe ricevuto il calciatore se il pellegrinaggio dovesse avverarsi.  E lui ha risposto  che avrebbero aspettatoo Messi con un barbecue, e lo avrebbe accompagnato insieme ”alla porta di casa”.

Il santuario di María del Rosario de San Nicolás ha una storia molto recente. La devozione è nata con eventi avvenuti quattro anni prima, lì vicino, a Rosario, dove è nato Lionel Messi. Nel 1983, diversi rosari in diverse case di San Nicolás si sarebbero misteriosamente accesi.

Il 25 settembre di quell’anno, mentre pregava davanti a questo strano evento, la Vergine sarebbe apparsa a una madre laica , e le avrebbe chiesto  di cercare un’immagine di lei che era stata benedetta da un Papa e dimenticata poi nel tempo. Un’immagine di queste caratteristiche è stata trovata nel campanile della cattedrale della diocesi ed era una Vergine del Rosario.

Un paio di anni più tardi, è iniziata la costruzione della chiesa  che oggi ospita centinaia di migliaia di pellegrini  ogni anno, il cui lavoro è stato svolto per 28 anni con l’appoggio dei vescovi successivi e il generoso contributo finanziario dei pellegrini. Nella sua interezza, il santuario è stato terminato nel 2014 con il famoso “el campito”, sulle rive del fiume Paraná.

I pellegrinaggi a piedi, a cavallo o con mezzi motorizzati da diversi punti di San Nicolás lo hanno reso uno dei centri di pellegrinaggio più frequentati in Argentina. Il più importante è quello di ogni 25 settembre. La finale della Coppa del Mondo 2018 si giocherà il 15 luglio. Messi sarà nella casa della Vergine il 25 settembre di questo anno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *