La Madonna dello Scoglio e Medjugorje nella fede di Elisabetta Gregoraci.

Print Friendly, PDF & Email

La Madonna dello Scoglio e Medjugorje nella fede di Elisabetta Gregoraci. 

Elisabetta Gregoraci è una bellissima donna, una donna di spettacolo, una persona sempre al centro del gossip per la sua vita accanto a Flavio Briatore,  per il loro matrimonio da favola e ora per la loro separazione. Ma pochi la conoscono per la sua forte fede, per i suoi pellegrinaggi alla Madonna dello Scoglio, per le grazie, per l’affidamento alla Vergine Maria, per il suo viaggio a Medjugorje che ha portato la serenità e la pace in una vita piena anche di dolore per la malattia e la morte della madre.

In un’intervista a cuore aperto la showgirl ha parlato dell’amore per la Vergine Maria trasmesso dalla nonna e dalla mamma che nella malattia ha ricevuto una grazia speciale

In un’intervista a cuore aperto la showgirl ha parlato dell’amore per la Vergine Maria trasmesso dalla nonna e dalla mamma che nella malattia ha ricevuto una grazia speciale

In una sincera intervista al settimanale “Maria con te”, Elisabetta Gregoraci ha parlato della sua profonda devozione alla Vergine Maria e della fede che l’accompagna da sempre grazie all’esempio e agli insegnamenti della mamma Melina e della nonna Angela, fervide credenti. Era solo una bambina quando insieme alle due andò in pellegrinaggio alla Madonna dello Scoglio a Santa Domenica di Placanica in Calabria. Luogo a cui ancora oggi è legata in modo speciale e di cui serba ricordi bellissimi.

L’amore per la Vergine trasmesso dalla mamma e dalla nonna

Quante volte il Santo Padre ha ricordato alle famiglie l’importanza di insegnare il segno della croce e le preghiere ai figli, e ha parlato spesso di come in particolare le donne – mamme, zie, nonne – siano fondamentali nel trasmettere la fede. Questa è l’esperienza che la showgirl racconta nell’intervista, in particolare com’è nato il suo rapporto con la Madre di Gesù:

«Ho sempre sentito parlare in casa di Lei, con amore e rispetto, specie da mia nonna Angela e da mia madre Melina, entrambe devote alla Vergine Maria. Da piccola vedevo attorno a me le effigi che erano sparse per casa: Nostra Signora di Lourdes, Maria Ausiliatrice e la Madonna di Tindari: nonna da siciliana vi era legata sin da bimba. Poi si è aggiunta la Madonna dello Scoglio, che è stata molto vicina alla mia famiglia, in diverse circostanze» (Maria con te).

Sono andata allo Scoglio anche quando aspettavo mio figlio

Lo Scoglio diviene luogo di pellegrinaggio per tutta la famiglia ed è lì che Elisabetta invoca la protezione della Vergine Maria nelle situazioni peculiari della sua vita, anche quando scopre di essere incinta:

«Tuttora, ogni volta che ci torno vengo assalita dai ricordi, perché lo Scoglio, in un certo senso, ha fatto da scenario alle mie speranze più profonde in varie tappe della vita, da adolescente pregavo la Madonna per la nonna che non stava bene, poi per la salute di mia madre. Ci sono andata anche quando aspettavo mio figlio, per chiederle che tutto andasse bene».

Invoco la Madonna e sono certa che mi vuole bene

L’intervista concessa a Luciano Regolo svela il lato intimo e spirituale della Gregoraci che tutti siamo abituati a vedere in tv, sulle copertine delle riviste patinate di gossip e di moda. Il fisico atletico, la bellezza mediterranea, la sensualità. Ma oltre tutto questo c’è una donna sensibile, una mamma che insegna le preghiere a suo figlio e che prega la Madonna e si affida alla sua potente intercessione:

«Sì, ci parlo spesso, in certi periodi magari di più. Ma devo dire che mi ha ascoltato tante volte, mi ha dato dei “segnali” e sono certa che mi vuole bene. Maria mi ha sempre aiutato. Mi ha aiutato anche a superare la morte di nonna e mamma, le persone più importanti della mia vita. Attraverso la dolce presenza della Vergine ho capito che l’amore dei propri cari va oltre la vita e che la mia mamma è sempre con me» (Ibidem)

Una macchia sul fianco delle statue della Madonna e la grazia delle metastasi scomparse

I miracoli avvengono ed Elisabetta è stata testimone di una grazia speciale che ha ricevuto sua madre:

«Anni fa, mamma doveva subire un’operazione molto seria al fegato. Ma nessuno di noi in casa era favorevole perché l’intervento poteva anche costarle la vita. A un certo punto, su tutte le effigi che avevamo in casa di Nostra Signora dello Scoglio si formò una sorta di macchia levigata all’altezza del fianco, in corrispondenza con il fegato, la notavano tutti a occhio nudo, come se brillasse. In ospedale, alla vigilia dell’operazione, incontrai anche Annamaria Nicolace, la figlia di Natuzza Evolo, altra mistica calabrese cui mamma era legata. Anche lei mi donò una Madonnina, il Cuore Immacolato di Maria venerato a Paravati e pure su quell’immagine si verificò lo stesso fenomeno. Insomma, il giorno dell’operazione i medici ci chiamarono e, visibilmente imbarazzati, ci dissero che non vedevano più le metastasi quindi non era più necessario intervenire» (Maria con te).

Mamma Melina: l’esempio di una malattia vissuta con amore e di una morte santa

«(…)gli oncologi che la seguivano, esaminando la cartella clinica, non capivano come avesse potuto sopravvivere 14 anni al male che l’aveva colpita e sempre solerte a partecipare con immenso amore alla vita dei suoi cari e degli amici, fino all’ultimo giorno, senza mai farsi schiacciare dal dolore o dalla paura. Più d’una volta fratel Cosimo le diceva che la sua terapia era la preghiera e che la Vergine la stava aiutando. (…) non era ancora arrivato il momento terribile che più temevo. Quando è arrivato, nel 2011, fratel Cosimo me l’ha detto chiaramente: “Non c’è più niente da fare, la Madonnina e Gesù la chiamano da loro”. Mamma mi aveva mandato da lui per domandargli come stessero le cose, io non ebbi il coraggio di rifergli quelle parole, anche se sono convinta che lei aveva già capito» (Maria con te).

Il pellegrinaggio a Medjugorie

Elisabetta è andata a Medjugorie nel 2016 dopo la morte della mamma per onorare una promessa che le aveva fatto. La signora Melina infatti era profondamente legata a Medjugorie e aveva chiesto alla figlia di far visita alla Regina delle Pace. Su Instagram la showgirl ha condiviso due scatti di quel pellegrinaggio così speciale dove ha sentito la carezza materna della Madonna:

All inizio pensavo di tenere per me ..questo mio viaggio ,così intimo ,così speciale … 💙.poi invece ho cambiato idea e L ‘ho fatto perché sentendo tutte le cose che accadono sento molta paura per tutti noi … .questo mio viaggio mi ha riempito il cuore di gioia ..allora mi sento di dire pregate e amate .. perche ‘ Il BENE VINCE SEMPRE SUL MALE.. 🙏…Elisabetta

«(…) avevo promesso a mamma che sarei andata a Medjugorje e l’ho fatto dopo la sua scomparsa. Ho provato in effetti un senso di grande sollievo e tranquillità. Era un periodo in cui non c’era quasi nessuno e quindi il silenzio rendeva ancora più palpabile la sacralità del luogo. Sono salita sul monte delle apparizioni, un percorso faticoso, irto di pietre; Marzia, mia sorella, stava per cadere. Ma io credo che anche questo sforzo faccia bene, perché prepara a un incontro davvero desiderato con Maria. A Medjugorje ho sentito davvero la carezza materna della Madonna, penso che mamma sia stata contenta anche lei dal cielo»

Non vogliamo dare il patentino di “cattolica perfetta” ad Elisabetta Gregoraci, ma sentire una donna di spettacolo parlare così apertamente della sua fede, del legame profondo con la Vergine Maria, delle grazie che ha ricevuto la sua famiglia – esempio fondamentale per lei –  è davvero una bella testimonianza in questi tempi secolarizzati.

fonte: Aleteja

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *