Grecia: Il miracolo della cappella che non è andata a fuoco durante gli incendi.

Print Friendly, PDF & Email

Grecia: Il miracolo della cappella che non è andata a fuoco durante gli incendi.

Le terribili immagini dei devastanti incendi avvenuti in Grecia hanno scosso tutto il mondo, i bambini morti, le persone che non hanno trovato scampo nella fuga, chi invece è affogato cercando rifugio nel mare. Una tragedia che nessuno si aspettava e che ci ha fatto capire che siamo nulla di fronte alla furia della natura, non servono macchine, non servono grandi alberghi, non serve la tecnologia….In tutto questo, un piccolo miracolo ha lasciato tutti a bocca aperta e ci ricorda che Dio può tutto, salvare e compiere miracoli immensi anche nella devastazione più totale.

“La chiesa era l’unico posto che non ha preso fuoco. Siamo vivi per miracolo. Tutto il resto è distrutto “, spiega la religiosa della Grecia Efremia.

Con il cielo coperto, circondato da un inferno di fiamme, un gruppo religioso è stato salvato nella chiesa del Monastero della Santissima Trinità. Il gruppo, che non voleva essere evacuato, era composto da un prete ortodosso, sua moglie e tre suore che si prendono cura di un asilo con una dozzina di anziani e un orfanotrofio con 65 bambini, molti dei quali erano in spiaggia. I vigili del fuoco hanno evacuato una dozzina di bambini, anziani e la maggior parte delle suore in un autobus. Fortunatamente, sono fuggiti in tempo: l’autobus ha lasciato le fiamme e cinque minuti dopo la strada è stata bloccata. Qui, in cima alla montagna del Neos Voutzas, a 30 chilometri dalla capitale della Grecia Atene, nella foresta dove è immerso il monastero, è iniziato l’inferno.

La monaca Efremia dice che “tutte le celle sono state distrutte”. Solo la chiesa dove stavano pregando i Vespri e le piante che adornano la cappella sono rimaste intatte. “Quando siamo nelle mani di Dio, non si ha mai paura. Questo è stato un miracolo”.

fonte: lafedequotidiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *