Impressionanti miracoli di guarigione per l’intercessione di Padre Pio. -Gemma-

Print Friendly, PDF & Email

Impressionanti miracoli di guarigione per l’intercessione di Padre Pio. -Gemma-.Padre Pio ha ricevuto la grazia di molti doni, uno di loro è di essere un grande intercessore per le guarigioni; ce ne sono di spettacolari. Pochi dubbi sulla vera santità e sulla connessione con il soprannaturale di Padre Pio, anche con persone che non sono cattoliche.  Perché le storie che vengono raccontate dei suoi miracoli sono così tante che è difficile ignorarlo.

Qui portiamo un grande miracolo di guarigione attestato da prove scientifiche.

Gemma di Giorgi è nata il giorno di Natale del 1939, nella città siciliana di Ribera. Quasi immediatamente, sua madre si rese conto che i suoi occhi erano diversi dagli occhi di altri bambini. 

La verità era che Gemma era cieca dalla nascita.

Sua madre l’ha portata da un dottore che non ha potuto determinare la gravità delle sue condizioni.
È stata indirizzata a due specialisti a Palermo. . Era stabilito che Gemma non aveva le pupille nei suoi occhi, che nulla poteva essere fatto a causa della sua cecità, perché le sue condizioni erano irreversibili.
La famiglia di Gemma era disperata e non c’era nulla che potessero fare.

I suoi genitori la portavano spesso all’altare di Maria nella chiesa e pregavano perchè lei aveva bisogno di un miracolo per guarire i suoi occhi.

Un parente, che era una suora, consigliò alla famiglia di andare a cercare Padre Pio .

Il suo consiglio ha dato alla famiglia un raggio di speranza.

La nonna di Gemma chiese alla suora di scrivere una lettera a Padre Pio in rappresentanza.

Quando la monaca tornò al suo convento, scrisse a Padre Pio chiedendole di pregare per Gemma.

Una notte, la suora lo vide in sogno. Padre Pio gli ha chiesto :

” Dov’è questa Gemma per cui vengono offerte così tante preghiere che sono quasi assordanti?”

Nel suo sogno ha presentato Gemma a Padre Pio e ha fatto il segno della croce sugli occhi.

Il giorno seguente, la suora ha ricevuto una lettera da Padre Pio in cui ha scritto:

“Cara figlia, puoi star certo che pregherò per Gemma. Vi invio i miei migliori auguri . “

La monaca fu sorpresa dalla coincidenza dei sogni e dalla lettera che Padre Pio rispose , per ciò che scrisse alla famiglia e li incoraggiò a portare Gemma a vedere Padre Pio.

GEMMA VA CON LA SUA NONNA PER VEDERE PADRE PÍO

E fu così che nel 1947, la nonna ha portato Gemma, 7 anni, a San Giovanni Rotondo per vedere Padre Pio , pregando e aspettando tutto il tempo per un miracolo.

Durante il viaggio dalla Sicilia a San Giovanni Rotondo, la vista di Gemma iniziò a funzionare misteriosamente. . A metà strada verso la sua destinazione, Gemma cominciò a vedere il mare e un battello a vapore e lo disse a sua nonna. . Sua nonna, così come altri amici che le accompagnavano, si meravigliarono e iniziarono a pregare.

Tuttavia, il viaggio dalla Sicilia al monastero è stato molto lungo e difficile .

Mentre la nonna di Gemma riconobbe il miracolo che si era verificato, era ancora preoccupata dell’idea di cercare l’intercessione di Padre Pio in materia.

A San Giovanni Rotondo, Padre Pio chiama Gemma con il suo nome prima che gli venisse presentata la ragazza .

Sentì la sua confessione e, sebbene non menzionasse la sua cecità, toccò gli occhi con la parte ferita della sua mano, tracciando il segno della croce .

Alla fine della confessione, la benedisse, disse,

“Sii buona e santa. “ 

La nonna era turbata dal fatto che Gemma avesse dimenticato di chiedere a Padre Pio la grazia di guarire mentre era nel confessionale e iniziò a piangere.

Gemma anche era arrabbiata e ha iniziato a piangere.

La nonna andò a confessarsi con Padre Pio e secondo le sue stesse parole,

” Ho chiesto Gemma per grazia e ho detto a Padre Pio che Gemma stava piangendo perché, nella sua confessione con lui, si era dimenticato di chiedere questa grazia. 

Non dimenticherò mai la sua voce dolce e tenera quando mi ha risposto con queste parole:

“Hai fede, figlia?” 

La ragazza non dovrebbe piangere e non dovresti farlo perché la ragazza vede, e tu sai che lei vede “.

Capii allora che Padre Pio alludeva al mare e alla nave che Gemma aveva visto durante il viaggio e che Dio aveva usato Padre Pio per rompere l’oscurità che copriva gli occhi di Gemma “.

Lo stesso giorno, Padre Pio diede a Gemma la sua prima comunione e di nuovo fece il segno della croce su ciascuno dei suoi occhi.

I MEDICI CONTROLLANO LA GUARIGIONE

Quando Gemma tornò in Sicilia, i suoi occhi furono esaminati di nuovo da uno specialista.

Il medico, per provare Gemma, sollevò diversi oggetti di fronte a lei e fu in grado di vederli tutti.

Poteva contare le dita del dottore ad una distanza di cinque metri.

“Anche senza pupille, ho avuto la vista, ho potuto vedere.” . Il dottore dichiarò che gli occhi di Gemma non erano in condizioni di vedere. . Non c’era alcuna spiegazione medica per questo. . Molti medici da tutta Italia hanno chiesto di esaminare gli occhi di Gemma. Questo straordinario sacerdote e la profezia che lo precede suscitano grande interesse nella stampa italiana durante l’estate del 1947.

Gli occhi di Gemma continuavano a migliorare e lei era in grado di andare a scuola e imparare a leggere e scrivere.

Era in grado di condurre la sua vita con normalità .

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *