ATTENZIONE: I pedofili ora rubano le foto dei bambini da Facebook e le modificano

Print Friendly, PDF & Email

Il consiglio del Garante della Privacy ai genitori. Attenti a postare le foto dei vostri figli

Pubblicare foto dei propri figli sul web per moltissimi genitori è la normalità. Lo si fa per condividere un momento di gioia, per annunciare una nascita, per celebrare un compleanno.

Dietro a un gesto apparentemente così innocuo si cela però un pericolo. Dove finisce tutto quello che pubblichiamo? Chi protegge le immagini che condividiamo sui social?A mettere in allerta mamme e papà arriva l’allarme del garante della privacy (Vanity Fair, 7 giugno).

L’INSIDIA DEL “DARK WEB”

Solo nel 2016 sono state rintracciate due milioni di immagini pedopornografiche sul web, il doppio del 2015. Attenzione quando postiamo le foto dei bimbi sul web: «Non dobbiamo demonizzare né colpevolizzare un genitore che posta l’immagine dei propri figli – rivela il Garante della Privacy Antonello Soro, nella Relazione annuale sull’attività del 2016 al Parlamento – ma dobbiamo avere la consapevolezza che nella dimensione del web le insidie sono tante. I dati riferiti alla pedopornografia confermano che il prelievo dei dati viene fatto dai social network e poi riversati nel “dark web”, quello nel quale ci commettono i crimini peggiori« .

META’ DELLE FOTO DA FACEBOOK

Il dark o deep web è l’insieme di quelle zone sommerse della rete che rendono difficile l’identificazione dei pedofili, poiché le immagini circolano su siti temporanei e si cancellano in 24 ore, riducendo di molto la finestra di intervento delle forze dell’ordine.

Il rapporto di Meter Onlus– dal 1989 in prima linea contro la pedofilia – relativo ai dati sulla pedopornografia online nel 2016 non lascia dubbi: «Il dato più allarmante è che più della metà delle foto scaricate provengono da Facebook: foto ordinarie per la famiglia ma tesoro prezioso per il pedofilo, anche grazie a numerosi siti per modificare le immagini e tramutarle in istantanee porno. Facebook diventa anche luogo di scambio, grazie a gruppi segreti e pagine dedicate»

 

DA 500 A 800 EURO

«Oggi ci sono vere e proprie community di pedofili, è possibile acquistare pacchetti che arrivano direttamente nella casella mail una solo foto di un neonato abusato può arrivare a 500 o 800 euro», denuncia don Fortunato Di Noto, fondatore Meter Onlus.

I “GIGANTI SILENZIOSI”

Soro, nella sua relazione, punta il dito sui «grandi fratelli che governano la rete», quei giganti del web che dispongono «di tutti i mezzi per indirizzare la propria influenza verso ciascuno di noi, con la conseguenza che, un numero sempre più grande di persone – tendenzialmente l’umanità intera – potrà subire condizionamenti decisivi».

TROPPA PRIORITA’ AI PROFITTI!

Uno strapotere al quale non bisogna rassegnarsi, è il monito della presidente della Camera Laura Boldrini, che cita una recente intervista di Franco Bernabè per sottolineare che «Google, Apple Facebook e Microsoft, insieme, hanno una capitalizzazione di borsa equivalente al Pil della Francia», «sono più potenti dei governi» e godono di «fatturati stratosferici»: di qui il richiamo forte all’assunzione di «responsabilità», sul piano «fiscale», «lasciando risorse nei Paesi in cui fanno così lauti profitti», ma anche «editoriale»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *